35a giornata: le probabili formazioni di Milan e Bologna

Posticipo del lunedì sera di un campionato ormai agli sgoccioli. La 35a giornata di Serie A vede di fronte Milan e Bologna, cioè una squadra aggrappata a non troppe speranze di raggiungere la Champions League e una squadra che quasi vede la salvezza. Bastano infatti una manciata di punti per far star tranquilli Mihajlovic e compagni. Proprio il grande ex della partita proverà oggi a fare un dispetto agli uomini di Gattuso.

I rossoneri, in crisi conclamata (appena 1 vittoria nelle ultime 7 partite di Serie A) si presentano senza Romagnoli squalificato e con una serie di assenze pesanti causa infortunio. Per giunta, i recenti comportamenti poco professionali di Bakayoko e compagni hanno costretto il tecnico calabrese ad optare per il ritiro prima di questa importante partita. Basterà questa decisione per far ritrovare le giuste motivazioni ad una squadra che è sembrata abbastanza allo sbando? Gattuso ha detto di aver visto la giusta reazione da parte dei suoi, ma le parole naturalmente servono a poco.

Dall’altra parte umore opposto e forma smagliante: i rossoblu hanno addirittura vinto ben 6 delle ultime 8 partite e cercano quel poco che manca per raggiungere la soddisfazione stagionale. Con un Orsolini (probabile oggetto del desiderio di Leonardo) in grande forma e un ritrovato Palacio, il Bologna non avrà certo timori reverenziali a San Siro, dove sono attesi oltre 50.000 spettatori.

Di seguito le formazioni più probabili del match:

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Abate, Musacchio, C.Zapata, Rodriguez; Kessie, Biglia, Paquetà; Suso, Piatek, Calhanoglu. All.: G.Gattuso.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Calabresi, Lyanco, Danilo, Dijks; Dzemaili, Pulgar; Orsolini, Svanberg, Sansone; Palacio. All: S.Mihajlovic.

Le quote Snai per la 35a giornata di serie A

Nils

Non possiedo preziosi monili, non colleziono vinili e non difendo diritti civili. Seguo spesso l'istinto. Ai tempi delle scuole elementari decisi di tifare Milan. Nell'autunno 2013 mi venne l'idea di creare questo sito (online dal primo gennaio 2014). Considero normale, anzi indispensabile, un certo livello di faziosità, specialmente quando si parla di calcio, l'importante (per me, tu fai pure quello che vvvuoi) è non esagerare con la dose. Notate bene: a volte scrivo cose senza senso, perciò non prendetemi troppo sul serio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *