Abbiamo le prove: il fato è amico di Inzaghi

 Dopo ben 5 mesi senza nessuna vittoria esterna, c’è perfino qualche tifoso rossonero che si è entusiasmato per la seconda vittoria consecutiva e la prima in trasferta del 2015. Era infatti da ottobre che il Milan non vinceva in trasferta e farlo a Palermo di certo non sembrava la cosa più facile del mondo. Considerando il recente trend dei rosanero, però, tutto si può spiegare in modo assai plausibile: i siciliani avevano raccolto appena 2 punti nelle precedenti 4 partite, prima di collassare anche con il Milan. Quella della squadra di , insomma, non è stata propriamente un’impresa, poichè gli uomini di Iachini erano in crisi da un bel pezzo. Piuttosto, occorre ringraziare gli episodi e il fato, per come Cerci ha realizzato il primo gol e la confusionaria difesa del Palermo che ha regalato a Menez l’opportunità di firmare il gol vittoria. E tornando al gol di Cerci, alzi la mano chi non ha esclamato in quel momento: ”Che culo!”, sia per le modalità dello stesso gol, che per la consapevolezza che per l’ennesima volta si passava in vantaggio nel momento più improbabile (in questo il Milan di è quasi maestro, non possiamo negarlo). Vedo che le mani sono tutte alzate. E per quanto riguarda la classifica, bisogna anche ringraziare il gentilissimo Napoli, che ultimamente ha deciso di perdere sensibilmente terreno, raccogliendo solo 2 punti nelle ultime cinque partite e lasciando così un barlume di speranza riguardo al sesto posto. Siamo realisti: l’ottavo posto è esattamente quello che il Milan si merita, in un campionato stradominato dalla Juventus, che in fondo è l’unica vera squadra di ottimo livello del torneo.

Ci trovi anche su Facebook e su Twitter