Abbiati-si-è-infortunato-638x425Cristian Abbiati dopo 22 anni, di cui 15 trascorsi in rossonero, ha deciso di dire basta con il calcio giocato. Il nostro portierone si è raccontato alla Gazzetta dello Sport, non senza qualche strascico polemico. Sulla squadra: “Mi piacerebbe si ripartisse dalla Juve. Questa rosa non era da settimo posto, con il giusto atteggiamento si potrebbe tornare a puntare già alla Champions. Ci sono stati 4-5 elementi che non hanno fatto quanto richiesto, e non parlo di errori tecnici…”. Sui valori ormai persi: “Se ripenso al Milan fino al 2011 vedo un’altra squadra. Io ragiono secondo alcuni valori che mi hanno trasmesso Albertini, Costacurta e Maldini. Quando ci allenavamo andavamo a mille all’ora e se si perdeva male il lunedi mattina ero in ansia quando uscivo di casa per la vergogna anche se la mia coscienza era pulita”. Su quando ha pensato di smettere: “Dopo il Bologna avevo fatto il pieno. Quando Bacca fu sostituito col Carpi e lasciò il campo senza aspettare la fine e senza salutare chi entrava, nello spogliatoio lo ribaltai. Ma voltandomi non vidi nessuno che mi supportava: evidentemente certe cose o non si hanno dentro o non interessano. Gattuso avrebbe tirato fuori il coltello”. Sul suo futuro: “Mi vedrò con Galliani, ma non abbiamo ancora un appuntamento. Ho bene in mente in cosa potrei essere utile: ad esempio viene da me l’allenatore e mi dice che quel giocatore non si sta comportando bene. Io sarei quello che va a prenderlo a calci nel culo. Si chiama club manager, giusto?”. Su Brocchi: “Con lui si può iniziare un progetto. Per come intende il calcio Berlusconi, Brocchi potrebbe essere l’uomo giusto, ma non avrei cambiato Mihajlovic, mancava troppo alla fine”.  

Mirko

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it
Mirko
Tags: