Buffon 6: Senza colpe sui due gol subiti, evita un passivo peggiore salvando in un paio di occasioni.

Florenzi 5: Purtroppo deve fronteggiare un pessimo cliente come Di Maria, e lui va spesso in difficoltà su quella fascia. (Dal 60’ Zappacosta 5: Non meglio del compagno di squadra, sulla sua zona l’Argentina affonda come il burro).

Bonucci 6: Chiude bene su Higuain, mentre non riesce a chiudere su Banega in occasione del gol, ma tutto sommato partita sufficiente per il rossonero.

Rugani 5,5: Non commette errori gravi, se non sul secondo gol. Anche lui ha brutti clienti di fronte da affrontare.

De Sciglio 6: Si limita al compito di contenimento sulla fascia sinistra e ci riesce senza troppi patemi, ma non si fa mai vedere in fase offensiva.

Parolo 5,5: Mediano nel vero senso della parola, ha vita dura in mezzo al palleggio degli argentini. Sfiora il primo gol in azzurro di testa. (Dal 60’ Pellegrini 5,5: Non si fa quasi mai notare, se non per qualche sterile folata offensiva).

Jorginho 5: Gravi i suoi errori in mezzo al campo, da uno dei quali nasce il vantaggio argentino. Dell’ottimo metronomo del Napoli nemmeno l’ombra. (Dall’85’ Belotti s.v.: Pochi minuti a disposizione per incidere).

Verratti 5,5: Leggermente meglio del compagno con cui si alterna da regista. Ma anche lui pasticca a volte ed è fortunato in qualche occasione. (Dal 71’ Cristante s.v.: Praticamente non si è visto).

Chiesa 5,5: Forse paga lo scotto dell’esordio in maglia azzurra, ma la prestazione non è delle migliori. Unico spunto, una buona giocata che quasi manda in gol Insigne. (Dal 60’ Candreva 6: Se non altro cerca lo spunto personale portando Caballero alla parata).

Immobile 5,5: Pochi palloni giocabili, si eclissa in mezzo ai difensori avversari. Unico lampo, l’assist per l’occasione sprecata da Insigne. (Dal 74’ Cutrone s.v.: Esordio in maglia azzurra per il nostro attaccante, ma nulla da segnalare).

Insigne 5,5: Errore clamoroso davanti alla porta che condiziona l’andamento della gara. Prestazione nel complesso comunque non sufficiente.

Di Biagio 5,5: Cerca di dare ordine ad una squadra nettamente inferiore all’Argentina. Onestamente non poteva fare molto di più, ma almeno ha il coraggio di lanciare vari giovani.

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it