Per Gattuso e co. la parola d’ordine stasera è crederci. Perché un’impresa del genere sarebbe storica, perché l’entusiasmo c’è tutto e poi perché siamo il Milan. In conferenza il mister ha fatto chiaramente capire che non sarà una gita quella di stasera a Londra, nonostante il livello di difficoltà dell’obiettivo. Non c’è assolutamente nulla da perdere, e già una prestazione autoritaria, a prescindere dal risultato, porterebbe molta fiducia all’ambiente. Andiamo a vedere come le due squadre si presentano all’appuntamento.

Qui Milan – Come detto, il Milan ha davvero poco da perdere stasera, ecco perché mister Gattuso dovrebbe proporre un modulo a due punte, utilizzato nell’ultima parte di gara al Marassi. Out Abate e Calabria, a destra giocherà ancora una volta Borini, unica novità della difesa. Mediana nuova di zecca rispetto al solito: sugli esterni agiranno Suso e Calhanoglu, mentre in mezzo confermato Kessie che giocherà insieme a Montolivo. Riposo per Biglia e Bonaventura. In attacco Cutrone favorito su Kalinic, di fianco al raggiante Andrè Silva dopo il gol con il Genoa.

Qui ArsenalWenger dovrebbe confermare la formazione che ha dominato all’andata al San Siro. Vedremo quindi il solito 4-2-3-1 con le uniche novità in difesa, dove rientrano Bellerin e Monreal sugli esterni, al posto di Kolasinac e Chambers. In attacco ancora out Lacazette, giocherà Welbeck.

Milan: Donnarumma; Borini, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Suso, Kessie, Montolivo, Calhanoglu; Cutrone, Andrè Silva. All. Gattuso.

Arsenal: Ospina; Bellerin, Mustafi, Koscielny, Monreal; Wilshere, Xhaka, Ramsey; Mkhitaryan, Özil; Welbeck. All. Wenger.

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it