Eterna, duplice, sofferente, ricca di contrasti, indimenticabile. Atene è tutto questo e molto di più. Combattuta tra l’enorme peso di un passato immane e la crudele violenza di una modernizzazione che tutto copre col cemento, Atene riesce ancora a far risaltare la sua bellezza classica, forse proprio grazie al contrasto fra la grande concentrazione di edifici moderni e la solenne, imperante immortalità delle costruzioni antiche. Parlare della sua storia, dei suoi miti, della sua leggenda è sfida impossibile perchè gigantesca è la mole delle cose da sintetizzare in un breve articolo. Perciò scegliamo di procedere per cenni veloci, tanto qui dove tocchi tocchi bene.

Il quartiere Plaka: il cuore di Atene, sicuramente una delle zone più belle della capitale greca. Situato proprio sotto l’Acropoli, si tratta della parte più vecchia della città. Per quanto sia massivamente affollata di turisti per molti mesi dell’anno, vale la pena godersi i suoi colori intensi e la sua atmosfera unica, senza tempo, del resto legittimata da quasi 7000 anni di storia. Da vedere la chiesa di Kapnikaréa, dedicata alla Presentazione della Beata Vergine Maria, che come un piccolo gioiello nella giungla sembra sfidare il tempo, situata com’è in mezzo a tanti moderni palazzoni che non fanno che esaltarne la bellezza.

L’Acropoli. Salendo dalla Plaka si arriva all’Acropoli, la “Città alta”, dove troneggia il celeberrimo Partenone, tempio gigante dedicato ad Atena nel 438 a. C. L’acropoli si erge su di una collina visibile da qualsiasi angolo della città: la maggior parte dei monumenti che la costituiscono furono eretti tra il 447 e il 406 a.C. sotto il progetto del generale Pericle, che per trent’anni governò la città. La sua bellezza esplode di notte, quando viene illuminata da centinaia di fari che contribuiscono a creare un’atmosfera davvero impareggiabile.

La collina Lycabettus (Collina del Licabetto) Se volete ammirare Atene a 360 gradi dal punto in assoluto più alto della città, dovete salire su questa collina, raggiungibile in vari modi (a piedi, in auto o con la funicolare). In cima c’è la chiesetta ortodossa di San Giorgio, costruita alla fine del 700. Di sera, Atene illuminata vista da quassù lascia letteralmente col fiato sospeso.

Da turisti, inevitabilmente ad Atene vi perderete fra monumenti, cafè, ristoranti e negozi di souvenir, ma non potrete mai dimenticare che questa è stata la dolce culla dell’arte, della filosofia, della politica e della democrazia: se la cultura occidentale ha delle radici, esse affondano qui.

Nils

Nils

Le mie info biografiche sono in sciopero. Torneranno in autunno o in inverno.
Nils