Una squadra che punta solo a salvarsi, possibilmente in modo tranquillo, affronta stasera alle ore 18.00 una squadra che non sa ancora se può ambire a qualcosa, impelagata com’è al centro della classifica, a pochi punti dalla zona Europa League, ma comunque fuori dalla stessa. Cagliari – Milan non promette sorrisi e probabilmente non regalerà spettacolo, perchè ha tutta l’aria di voler essere una partita spigolosa, per diversi motivi.

Il Cagliari, in casa, ha perso di misura le ultime due partite (con Juve e Fiorentina), con molte polemiche nel caso del match con i bianconeri. Non sarà per niente agevole per gli uomini di Gattuso, che tra l’altro non vincono in trasferta da due mesi e mezzo e che hanno finora dimostrato una scarsa confidenza con il gol (solo 2 nelle ultime 4 partite).

Il trend delle ultime gare dice comunque che il Milan è leggermente più in forma, avendo vinto due degli ultimi cinque incontri di campionato; i sardi, invece, nello stesso arco di tempo hanno vinto solo una partita, abbastanza inaspettatamente, in quel di Bergamo.

Gattuso ripropone l’enigma Biglia a centrocampo e torna a puntare su Kalinic, affiancato dalla fantasia di Suso e Calhanoglu. In difesa Abate sarà sostituito da Calabria.

Il Cagliari di Lopez proporrà una formazione quasi interamente italiana, con Sau e Pavoletti come terminali offensivi e il solito faro Barella a centrocampo.

CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Romagna, Ceppitelli, Pisacane; Faragò, Ionita, Cigarini, Barella, Padoin; Pavoletti, Sau. All. Lopez

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, R. Rodriguez; Kessie, Biglia, Bonaventura; Suso, Kalinic, Calhanoglu. All. Gattuso.

Nils

Seguo spesso l'istinto. Ai tempi delle scuole elementari decisi di tifare Milan. Nell'autunno 2013 mi venne l'idea di creare questo sito (online dal primo gennaio 2014). A volte scrivo cose senza senso, perciò non prendetemi troppo sul serio.

Latest posts by Nils (see all)