Donnarumma 6: Bella la parata su Mitrita lanciato a rete, che in pratica salva il risultato, commette però qualche errore in uscita che per poco non costa il pareggio.

Abate 6: A lui delegato il compito di monitorare la zona difensiva con Rodriguez più libero di spingere, si limita quindi a chiudere le modeste folate offensive avversarie. (Dal 73’ Conti 6: ci mette tanta grinta nonostante entri in un momento di grande sofferenza della squadra).

Zapata 6,5: Quando è concentrato è uno dei centrali più affidabili d’Italia, e questa è stata una di quelle giornate. Presidia in modo ottimale la sua zona di competenza e non commette errori. Ottima la sua intesa con Musacchio.

Musacchio 7: Uno dei migliori in campo: dà sempre tranquillità al reparto difensivo, commette pochissime sbavature e cerca di far qualcosa anche in fase offensiva. Con lui il Milan guadagna di sicurezza e personalità.

Rodriguez 6,5: Anche lui uno dei migliori grazie alla sua capacità di spinta e di andare al cross. Bene anche sulla punizione realizzata, poi nel secondo tempo si limite a fare il classico terzino, forse in difficoltà fisica anche lui.

Kessie 7: Un carro armato a centrocampo: sradica palloni con una semplicità disarmante, impossibile contrastarlo quando cerca di impostare nonostante i piedi non siano quelli di Rui Costa. Acquisto fondamentale.

Montolivo 5: La nota dolente della serata. Lentissimo in fase di impostazione, perde tanti palloni, come quello che per poco costava il gol di Mitrita. Fortuna che il suo posto sta per essere preso da Biglia.

Bonaventura 6: Non si poteva pretendere di più da chi non giocava da sei mesi circa. In cerca della condizione migliore e di una posizione adeguata in mezzo al campo, comincia a regalare qualche lampo di classe. Per ora va bene così.

Niang 5,5: Senza dubbio si impegna e cerca di fare quel che può, ma se quel che può è veramente poco, non ci spieghiamo come possa rimanere al Milan. Continua ad intestardirsi in dribbling inutili e finisce solo per fare falli.

Cutrone 6,5: Ottima la partita del Primavera, essendo stata la sua prima gara ufficiale in Europa. La sfortuna gli nega un bellissimo gol, poi di testa va vicino altre due volte alla rete e buonissimi movimenti in attacco. Chissà che non possa fare comodo tenerlo in rosa. (Dall’81’ Antonelli s.v.: Poco tempo per incidere in qualche modo sulla gara).

Borini 6: Non il più grande giocatore visto in rossonero, ma senza dubbio si impegna al massimo e senza farsi notare consegna a Cutrone l’assist per il quasi gol e si procura la punizione che Rodriguez insaccherà. (Dal 66’ Andrè Silva 5,5: Non ci aspettavamo una gara capolavoro da parte del portoghese ed infatti non lo è stata. Ancora molto imballato, gli servirà tempo per entrare in condizione e per assorbire i movimenti della squadra).

Montella 6: Nessuno poteva pretendere un Milan migliore in questo momento della stagione. Alla ricerca ancora della quadra giusta, prova sia la difesa a quattro che a tre, ma nella ripresa le gambe dei ragazzi non ci sono più. Poco da giudicare.

Mirko

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it
Mirko