D come Dinastia: Daniel Maldini

Figlio dell’inarrivabile Paolo, ma di ruolo ben diverso, praticamente opposto. Daniel Maldini è un attaccante, cioè gioca nel ruolo di coloro che suo papà era tenuto a contrastare. Classe 2001, tecnico, veloce e versatile tanto da poter ricoprire diversi ruoli offensivi, un buon piede destro e la capacità di vedere sempre la porta. Le doti ed i presupposti per una carriera luminosa sembrano esserci tutti.

Alto, sguardo serio come quello del padre, per il momento Daniel Maldini è uno dei prospetti più interessanti del settore giovanile rossonero: i suoi gol aiutano la non fortissima Primavera del Milan, che grosse difficoltà sta avendo anche dopo il cambio di guida in panchina. I rossoneri sono infatti fra gli ultimi della classe, in una categoria decisamente guidata dall’Atalanta. 8 sono i gol finora realizzati da Daniel Maldini, che nella stagione 2016/17 si è laureato Campione d’Italia con gli Allievi Under 16 del Milan.

Il suo contratto sarà in scadenza nel giugno 2021. Se continuerà a fare gol con la frequenza attuale, chissà che non riesca a fare il salto in prima squadra, per rimanerci in pianta stabile. Sarebbe la splendida prosecuzione di una dinastia che nel Milan ha costruito una storia di indimenticabili trionfi.

Nils

Non possiedo preziosi monili, non colleziono vinili e non difendo diritti civili. Seguo spesso l'istinto. Ai tempi delle scuole elementari decisi di tifare Milan. Nell'autunno 2013 mi venne l'idea di creare questo sito (online dal primo gennaio 2014). Considero normale, anzi indispensabile, un certo livello di faziosità, specialmente quando si parla di calcio, l'importante (per me, tu fai pure quello che vvvuoi) è non esagerare con la dose. Notate bene: a volte scrivo cose senza senso, perciò non prendetemi troppo sul serio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *