abatederbyIl derby non si gioca, si vince!”. Frase famosa e, forse troppo spesso, abusata. In fin dei conti però è la sacrosanta verità. Questo perché, al fischio finale, non conterà chi ha giocato meglio, chi ha creato di più, chi è parso più squadra, quanto chi uscirà vincitore. Il derby di quest’anno arriva in un momento particolare per entrambi i team.

L’Inter arriva da un inizio di stagione molto travagliato che ha visto il cambio di tre allenatori, Mancini prima, De Boer, e infine Pioli che esordisce in panchina proprio oggi. La posizione in classifica non rispecchia il valore reale della rosa neroazzurra, ma i problemi sembrano essere molti e non solo in campo. Il Milan viene invece da una prima parte di campionato al di sopra delle aspettative. I ragazzi di Montella devono dimostrare che quanto visto finora non è un semplice fuoco di paglia, quanto piuttosto un vero e proprio cambiamento rispetto al passato.

Pioli pare intenzionato a schierare in campo la sua formazione con un 4-3-3 e sembrano esserci solamente due ballottaggi. A centrocampo, a fianco di Joao Mario e Medel, si contenderanno l’ultimo posto disponibile Brozovic e Banega con il croato in vantaggio. Mentre, in difesa, l’unico dubbio riguarda gli esterni, con due posti per questi tre giocatori, Ansaldi, Santon e D’Ambrosio. In attacco tutto confermato con Perisic e Candreva sugli esterni ed il capitano Maurito Icardi al centro.

Sull’altra sponda, Montella propone il suo consolidato 4-3-3 ed anche in casa Milan sembrano esserci pochi dubbi di formazione. Romagnoli, che sembrava in grande recupero, ha da poco lasciato il ritiro a Milanello e assisterà alla gara dalla tribuna. Al suo posto il gran favorito è Gustavo Gomez con Zapata che scalpita in panchina ma senza neanche un minuto giocato quest’anno. Ballottaggio in attacco, dove sicuri sono Suso e Niang sugli esterni, mentre Bacca è favorito su Lapadula anche se non è certo del posto considerando il periodo opaco che sta vivendo.

In termini numerici è una partita come le altre perché la vittoria varrà sempre tre punti ma, se questo Milan vuole veramente dimostrare di essere una squadra solida che può ambire all’Europa, il risultato ammesso è solo uno: la VITTORIA!

L’arbitro del derby sarà Tagliavento.


Milan (4-3-3): Donnarumma, Abate, Paletta, Romagnoli, De Sciglio, Kucka, Locatelli, Bonaventura, Suso, Bacca, Niang. All.: Montella

Inter (4-3-3): Handanovic, Ansaldi, Murillo, Miranda, Santon, Brozovic, Joao Mario, Medel, Candreva, Icardi, Perisic. All.: Pioli

Zuma

Zuma

Marco Fumagalli, meglio conosciuto come Zuma, amante, filosofo ed esteta dello Sport in tutte le sue mille sfaccettature. Amo la palla tonda, quella a spicchi, quella ovale, le due ruote e tutto ciò che ci ruota intorno. Il mio nome lo devo anche a Van Basten anche se ho vissuto la mia adolescenza sotto le imprese di Carletto Ancelotti.
Zuma
Cheap Sex Web Cam