Due aggettivi per questo Milan? Passivo e timoroso

 Ci sono partite che prescindono dalla posizione in classifica. Quelle tra Milan e appartengono a tale categoria perché sono un classico a tutti gli effetti e come tali regalano quel profumo di grande match riservato a poche altri eventi. Ci sono stati periodi in cui abbiamo prevalso noi, in altri momenti è stato il contrario. Attualmente, mi sembra che le due squadre siano in un momento di impasse dovuto ad un cambio generazionale. Loro stanno navigando sull’abbrivio di anni di successi, mentre noi siamo ancora alla ricerca dei punti fermi dai quali poter ripartire.

Sabato sera hanno vinto loro, di misura. Vediamo di analizzare la prestazione dei nostri.

COSA HA FUNZIONATO

La squadra si copre bene, è compatta e la fase difensiva ne risente positivamente. Il primo tempo è emblematico sotto tale aspetto. Però poi si devono poter fare le due fasi. Difendersi soltanto non serve se non si riesce a mettere a frutto il fatto di subire poco. Nel secondo tempo spunta fuori la solita paura di tentare qualcosa di diverso. La reazione dopo il gol della lascia l’amaro in bocca: perché non si è tentato qualcosa prima?

I SINGOLI: Donnarumma è ormai lanciato nell’Empireo del calcio (per il momento Nazionale). Il ragazzo non ha paura e sfodera le parate e le uscite che servono, da veterano navigato. I compagni si fidano di lui e questo è un successo.

Poi, tutta la difesa. Abate (preciso nelle chiusure più che in passato), Alex, Romagnoli, Antonelli.

Kucka si inserisce bene in zona gol.

COSA NON HA FUNZIONATO

La cambia modulo passando al 3-5-2 e la squadra aspetta passiva, non reagisce. Rimane sempre troppo bassa, schiacciata sulla propria trequarti lasciando all’avversario l’iniziativa e sperando che egli non affondi abbastanza. Alla fine la frittata è servita.

I SINGOLI: avere due esterni veloci che rincorrono l’avversario va bene sotto l’aspetto dello spirito di sacrificio e della copertura, ma poi bisogna ripartire… e questo vale sia per Cerci che per Niang. Benedetto Dio, perché intestardirsi nel ricevere sempre la palla spalle alla porta, sperando sempre nel fallo dell’avversario? Mai uno scatto, mai una progressione, anche solo per far stancare l’avversario e creare spazio per i compagni. Meglio rischiare l’off side piuttosto.

Bacca purtroppo ingiudicabile. Bonaventura generoso anche se stavolta impreciso. Montolivo spesso solo, non trova sempre l’appoggio per impostare la manovra.

La più scarsa e mediocre degli ultimi anni rumina calcio e ci batte senza fare alcunché di particolare. Tolti Pogba e Dybala il resto è stato ordinaria amministrazione, anzi meno.

Da qui i rimpianti per una partita che poteva regalarci almeno un pari. Troppo timorosi nella ripresa, dopo il cambio di modulo bianconero. Le poche volte che ci siamo affacciati sulla trequarti avversaria abbiamo, in aggiunta, peccato di lucidità nell’ultimo passaggio.

Soprattutto la mobilità di Dybala ci ha causato i problemi maggiori. A fronte di ciò non vi è stata alcuna contromisura alternativa. Se la scelta era rincorrere il pari, Cerci o Niang potevano essere tolti e fare spazio a Poli per seguire Dybala a uomo, liberando così un esterno più in alto. Nella vita si accetta tutto, basta dirlo.

Il 4-3-3 ha un senso se gli esterni scattano in profondità per costringere i difensori ad arretrare e favorire l’avanzata del terzino o se tagliano all’interno, sul lancio del centrocampista, tentando di puntare la porta avversaria e costringendo un difensore centrale ad uscire o un centrocampista a scalare per coprire la marcatura. Non si è visto nulla di tutto ciò. Se Cerci e Niang si ostinano a ricevere palla fermi e spalle alla porta, sono praticamente inutili. Bacca rimane da solo in mezzo ai centrali avversari. E’ l’ABC della tattica. Chi è che non ha fatto che cosa?

Ai posteri l’ardua sentenza, di chi la colpa: dell’allenatore o dei giocatori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *