Fassone e Raiola, diversamente coerenti

 La sconfitta di Roma contro la Lazio ha lasciato inevitabilmente spazio a critiche, rabbia e polemiche. Tuttavia la dirigenza, nella persona dell’amministratore delegato Marco Fassone, si è mostrata coerente, manifestando la propria vicinanza all’allenatore e alla squadra, pur dichiarandosi, Fassone stesso, sorpreso per l’entità della sconfitta. Il dirigente rossonero ha ribadito il pieno appoggio a Montella nonostante il fragoroso passo falso subito contro la squadra di Lotito. Il piano resta lo stesso: qualificarsi alla prossima Champions League. Ottenere questo obiettivo raggiungendo una delle prime quattro posizioni in classifica oppure vincendo l’Europa League poco cambia.

In un’intervista esclusiva rilasciata a “Il Corriere dello Sport”, l’amministratore delegato ha dichiarato in maniera netta e chiara quanto egli creda nella bontà del progetto di mister Yonghong Li: l’obiettivo è riportare il Milan ad alto livello in un arco temporale di 4/5 anni. Un progetto che evidentemente non ha convinto il famoso (o famigerato) agente Mino Raiola, il quale non perde occasione per manifestare mancanza di fiducia sul futuro della società rossonera: durante un collegamento telefonico con la trasmissione televisiva “Il processo di Biscardi” si è dichiarato ancora molto scettico sulla nuova proprietà del Milan. Anche a tal proposito l’A.D. rossonero si è espresso in maniera lucida: “Mi è dispiaciuto che abbia detto certe cose. Ammetto però che Mino è coerente e questa sua sfiducia l’ha espressa fin da Aprile perchè vede come oscuro e nebuloso il futuro del club. Gli ho spiegato il nostro progetto che si svilupperà in 4-5 anni. Dalle sue ultime frasi deduco che, nonostante gli investimenti, nutra ancora ancora perplessità, ma sono felice che Gigio Donnarumma abbia scelto di rimanere: vuol dire che lui ci crede”.

La sconfitta di Roma è in archivio e la squadra si prepara all’esordio nella fase a gironi dell’Europa League. I risultati delle prossime partite diranno chi ha ragione, oltre che coerenza.

Stefano I.

Ricercatore informatico ​affetto dal sacro fuoco rossonero. Scettico per precauzione, ​realista per vocazione ed ​​amante del genio per eccezione. Nato nel segno di Van Basten con ascendente Savicevic.

Latest posts by Stefano I. (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *