Montella: inevitabilmente il flop che più ha fatto discutere in quest’ultimo periodo. Esonerato dalla dirigenza a causa di un andamento disastroso, probabilmente paga anche colpe non sue, pur tuttavia lo strappo c’era da aspettarselo. Sei sconfitte in campionato, discorso Champions ormai chiuso, prestazioni scialbe: non si poteva fare altro.

Kalinic: forse il flop più clamoroso dell’ultima campagna acquisti rossonera, anche a causa del fatto che dovrebbe essere lui il bomber rossonero, quello che avrebbe dovuto garantire una discreta quantità di gol. Invece siamo solo a quota tre: tante occasioni sciupate con il Torino, evanescente nelle altre uscite.

Calhanoglu: altro acquisto che ancora non ha trovato la sua dimensione in rossonero, nonostante le alte aspettative su di lui. Continua a sembrare un pesce fuor d’acqua: sarà dovuto alle scelte tattiche, a difficoltà di ambientamento o alla sua sosta prolungata, non è dato saperlo. La speranza è che riusciremo a vedere in campo un giocatore diverso, che può farci fare il salto di qualità.

Bonaventura: anche il caro Jack pare aver subito la rivoluzione del nuovo Milan. Da mezzala nella mediana a cinque continua a rendere poco, e il suo nervosismo si è espresso tutto nella sostituzione di domenica contro il Torino. Speriamo solo che Gattuso possa far rinascere uno dei migliori giocatori in rosa.

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it