Genoa – Milan: le pagelle dei rossoneri

 Donnarumma 8: Determinante ai fini del risultato. Si esibisce in tre ottimi interventi nel primo tempo, ma il vero capolavoro lo compie sul bolide perfetto di Veloso.

Abate 6,5: Inizia, bene, da terzino, poi per via dell’infortunio di Zapata si sposta al centro e vince il duello con Kouamè. Sempre affidabile il suo apporto.

Zapata s.v.: Gioca solo una decina di minuti a causa di un problema muscolare. (Dal 12’ Conti 7: Dà qualità e grinta alla manovra. Suo l’assist per il gol di Borini. La sensazione è che per il Milan sarà un grande acquisto).

Musacchio 6: Sicuro nel duello con gli attaccanti rossoblu. Non compie errori grossolani nonostante qualche piccolissima sbavatura.

Rodriguez 6: Ottimo lavoro in fase difensiva, non si fa vedere molto sull’altro lato del campo, ma sulla fascia dà sempre la sensazione di sicurezza.

Paquetà 7: Colpi sopraffini e ottima visione di gioco. Peccato solo per il gol fallito nella ripresa, ma potrà sicuramente dare un apporto importante al centrocampo del Milan.

Bakayoko 7,5: Inutile girarci intorno, il Milan deve riscattarlo. Dominatore della mediana con forza fisica e buona tecnica. Fondamentale in fase di interdizione.

Calhanoglu 5: Nella buona partita dei rossoneri è lui la nota stonata. A volte sembra molle e senza fiducia. Spreca malamente anche una punizione, che in passato era il suo colpo pregiato. (Dal 79’ Mauri s.v.: Entra quando i giochi già sono fatti).

Suso 7: Splendido il secondo gol che chiude il match nonostante una gara non ai suoi soliti livelli. Rimane uno dei pochi giocatori in squadra che può cambiare le sorti di un match. (Dall’88’ Castillejo s.v.: fa rifiatare il suo connazionale).

Cutrone 6: Lotta su ogni pallone anche se gli spazi latitano e i palloni giocabili sono pochi. Bello l’assist per Suso in occasione del secondo gol.

Borini 6,5: Un po’ al di sopra dei suoi normali standard e questa è già una buona notizia. Sfiora un gol che sarebbe stato clamoroso e poi ha il merito di segnare il primo gol.

Gattuso 6,5: Assente in panchina per squalifica, riesce in questi ultimi giorni movimentati e compattare il gruppo e tirare fuori un grande spirito battagliero. Squadra stanca e tecnicamente non eccelsa, ma per il quarto posto sarà battaglia.  

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *