italiazzurriDopo l’esordio con sconfitta contro la Francia, l’Italia di Giampiero Ventura è attesa questa sera al primo test ufficiale in cui i tre punti pesano parecchio. Alle 20:45 gli azzurri scenderanno in campo allo Stadio Sammy Ofer di Haifa contro Israele, nella prima sfida del Gruppo G di qualificazione al Mondiale di Russia 2018. La Nazionale deve ritrovare la forma dei tempi migliori se non vuole trovarsi ad affrontare il girone in salita, visto che il prossimo appuntamento la porrà di fronte alla Spagna, quella che sarà probabilmente l’avversaria diretta per il primo posto del girone. Sono tre i precedenti tra Israele-Italia, la prima volta si affrontarono nelle qualificazione del Mondiale di Cile ’62: L’Italia si impose ad Haifa per 4-2, e al ritorno con un tennistico 6-0. L’ultimo precedente risale al Mondiale di Messico ’70, dove fini con uno 0-0. L’Italia scenderà in campo con l’ormai consueto 3-5-2, in difesa c’è il ritorno di Bonucci a cui sarà affidato il compito di ridare sicurezza ad un reparto sembrato spaesato contro la Francia. Sugli esterni Candreva e Antonelli, ed in cabina di regia il rientro da titolare di Verratti. Tandem d’attacco il solito collaudato Pellè-Eder. Per molti si continua con la strada tracciata da Conte, ma guai a dirlo a Ventura che in conferenza cerca di scrollarsi i continui paragoni dichiarando: “Sono stato io a fare paragoni con l’Italia degli Europei, ma da ora voglio chiarire una cosa: basta fare paragoni col passato, oggi inizia una nuova strada, ci sono uomini diversi….”. Sperando che questa strada porti alla sperata vittoria.

ISRAELE (4-5-1): Goresh; Ben Bitton, Tzedek, Tibi, Davidzada; Zahavi, Kyal, Nir Biton, Kehat, Ben Haim; Hemed. CT Levy.

ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva, Parolo, Verratti, Bonaventura, Antonelli; Pellè, Eder. (A disp. , Marchetti, Astori, De Sciglio, Ogbonna, Rugani, Montolivo, Florenzi, Bernardeschi, Gabbiadini, Immobile, Pavoletti). CT Ventura.

Arbitro: Karasev (Russia).

PM

PM

Prendere delle scelte è sempre difficile, Scegliere te è stato semplice...Forza Milan!
PM