Italia-Stati Uniti 1-0, le pagelle di Verratti e compagni

 Sirigu 6.5 Spettatore per quasi tutta la partita, tranne che in due occasioni, quando si fa trovare pronto.

De Sciglio 6 Una brutta entrata gli costa il giallo, ma probabilmente lo ha fatto per dare un pò di pepe a una partita non esaltante.

Acerbi 6 Attento e pulito ma anche poco sollecitato dagli avversari.

Bonucci 6.5 Più preciso del suo solito, non disdegna le sortite offensive. Condisce la sua prestazione con un paio di ottimi lanci, tipo quello sciupato da Lasagna.

Emerson Palmieri 6 Si accende ad intermittenza, ma quando lo fa mette in mostra ottimi spunti e buoni cross.

Barella 5.5 Forse un pò stanco, lo si nota meno rispetto al match col Portogallo e anche il contributo qualitativo è poco evidente.

Sensi 7 Sempre nel vivo del gioco, dimostra di saper fare praticamente tutto. Può certamente candidarsi ad approdare in un top club (dal 76′ Gagliardini 6.5 Dona l’assist decisivo al suo compagno di squadra in nerazzurro).

Verratti 7 Danza e pennella come nei suoi giorni migliori, esprimendo un’intesa eccellente con i compagni di reparto. Confortante.

Berardi 5.5 Propositivo, ma continua a denotare un pessimo rapporto con il gol, come confermato dai soli 2 centri realizzati in campionato (dal 63′ Kean 6 Porta gioventù, vivacità e dinamismo).

Lasagna 5 Ultimamente sembra una versione nostrana del peggior Kalinic. Per giunta si mangia un gol non difficile (dall’87’ Politano 7 Come giocare pochi minuti con voglia di incidere e il miglior atteggiamento possibile).

Chiesa 6 Più considerato rispetto alla partita di Milano, cerca ma non trova il gol, poi esce a fine p.t. (dal 46′ Grifo 6.5 Ottima pesonalità e buone iniziative, compreso un eurogol sfiorato, dalla distanza.

Mancini 6.5 La nazionale del nuovo Risorgimento fa vedere un buon calcio, pur continuando ad essere poco concreta ed incisiva. Bravo a vedere Grifo. La vittoria fa certamente abbassare lo spread, ma senza il gol in extremis di Politano staremmo a parlare dell’ennesimo digiuno dal gol.

Nils

Seguo spesso l'istinto. Ai tempi delle scuole elementari decisi di tifare Milan. Nell'autunno 2013 mi venne l'idea di creare questo sito (online dal primo gennaio 2014). A volte scrivo cose senza senso, perciò non prendetemi troppo sul serio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *