Con il probabile debutto di Vangioni dal primo minuto, senza Sosa squalificato e soprattutto senza Jack Bonaventura infortunato, il Milan proverà stasera ad avere la meglio del Bologna, in una trasferta che si prospetta totalmente priva di qualsiasi tipo di serenità e rilassatezza. Ci ha pensato pure Roberto Donadoni a rendere se possibile ancor più teso il clima, parlando del precedente negativo dell’arbitro Doveri, lo stesso che arbitrerà il match di oggi. Ma in ogni caso non poteva che essere tesa, nervosa ed importante una partita fra una squadra che di recente ne ha prese 7 dal Napoli e un’altra reduce da 4 sconfitte di fila fra campionato e coppa.

Come se non bastasse la questione d’onore, per chiamarla così, di Donadoni, chi si gioca la faccia è anche il tecnico dei rossoneri Vincenzo Montella, perchè se la sua squadra oggi non dovesse vincere, significherebbe fare peggio di quanto fatto da Sinisa Mihajlovic nelle sue prime 23 giornate sulla panchina del diavolo. Altro motivo di rigidità è dato dal momentaccio di Carlos Bacca, che in settimana ha provato a scusarsi con tutti, ma i tifosi, si sa, vogliono gol, non parole. Insomma, gli spunti al Dall’Ara di certo non mancano, per vivere al meglio una partita in cui la palla sarà particolarmente pesante. Nei precedenti in casa del Bologna, il risultato più ricorrente è stato lo zero a zero. Dovesse ripetersi ancora un’eventualità del genere, sarebbe l’ennesimo flop per un attacco, quello rossonero, che fatica tremendamente a trovare la via del gol. Il tecnico campano dice che molto probabilmente stavolta i giornalisti sbaglieranno la formazione. Poco importa: pensi lui a non sbagliarla.

Di seguito il probabile schieramento delle due squadre:

Bologna (4-3-3): Da Costa; Krafth, Gastaldello, Maietta, Torosidis; Nagy, Viviani, Dzemaili; Verdi, Destro, Krejci. All.: Donadoni.

Milan (4-3-3): Donnarumma; Abate, Paletta, Romagnoli, Vangioni; Kucka, Locatelli, Pasalic; Suso, Bacca, Deulofeu. All.: Montella.

Nils

Nils

Da bambino mi piaceva disegnare. A volte penso sia stato un peccato non aver affinato quell'inclinazione. In realtà mi sono sempre piaciute molte cose, forse per questo sono diventato un pò disordinato. A volte sono andato al cinema da solo. Ti sembra strano? Ti assicuro che mi divertivo molto. Adesso che nella mia vita c'è una donna non ci vado nemmeno in compagnia.
Nils