IM_Bonaventura1Chiamatelo Tuttocampista, chiamatelo jolly, chiamatelo un po’ come volete. A noi piace chiamarlo semplicemente “Jack”, forse perchè è uno dei giocatori rossoneri a cui siamo più affezionati, ma pensiamo di non essere gli unici. Chi stravede per Jack Bonaventura è anche un certo Sinisa… Vi ricorda qualcosa? Sì, Mihajlovic! Proprio lui (come direbbe un certo Piccinini). Che sia il giocatore più utilizzato dal tecnico serbo è una prova che conferma la sua importanza: 925′ giocati – dietro di lui segue Romagnoli con 852′ – e sempre titolare ad eccezione di Empoli, dove è subentrato risultando peraltro decisivo. Insomma, a dire che sia un giocatore chiave di certo non si fa peccato: l’inviato a Milanello Peppe Di Stefano addirittura ha dichiarato: “Questo è il Milan di Bonaventura”. E come dargli torto.

Vero e proprio jolly – Cambiano i moduli, cambiano i giocatori, ma Jack non cambia mai. Dall’inizio di questa stagione Mihajlovic e il suo staff hanno dovuto far fronte alle difficoltà variando spesso atteggiamento tattico: 4-3-1-2, 4-4-2 e 4-3-3 sono stati i moduli utilizzati. Nessun problema, Bonaventura è sempre presente e pronto ad adattarsi: trequartista, mezz’ala, ala o esterno di centrocampo, per lui non c’è differenza. Duttilità, intelligenza e tanto, tanto impegno. Corre, dribbla, inventa calcio e talvolta recupera anche i palloni. La sua maturazione è costante: impossibile farne a meno.

Spesso decisivo – Il Milan è la squadra che ha segnato più gol di testa in questo campionato ed i calci piazzati si stanno rivelando decisivi (a differenza della passata stagione). I meriti vanno suddivisi tra chi mette la palla in rete e chi propizia appunto la marcatura: sapete qual è il giocatore designato alla battuta di punizioni e corner? Domanda retorica. Per Bonaventura gli assist stagionali sono già 5 – contro i 4 messi a segno sotto la guida di Inzaghi – più i due gol contro Udinese e Palermo. Domenica scorsa contro la Lazio ha servito l’assist per il 3-0 di Bacca e battuto la punizione per l’incornata di Mexes, senza dimenticare che proprio da un suo cambio di gioco è partita l’azione poi conclusa con il gol di Bertolacci. Da stropicciarsi gli occhi l’elastico grazie al quale ha mandato Basta a prendersi un caffè al bar. Non per niente al lunedì i voti in pagella per il centrocampista rossonero variavano dal 7,5 all’8. E per i suoi diretti avversari dal 4,5 al 5. Chapeau.

Senza Jack – Contro l’Atalanta Bonaventura non è potuto scendere in campo causa squalifica. Proprio la Dea lo aveva lanciato nel calcio dei grandi, per poi venderlo al Milan lo scorso anno. 7 milioni era costato, 7 proprio come i gol che ha segnato alla sua prima stagione in rossonero. Far a meno del giocatore più in forma della rosa non è mai facile e l’ultima prestazione della squadra l’ha ampiamente dimostrato: poca inventiva e gioco spesso macchinoso. Tanti indizi fanno una prova: in questo Milan Jack è semplicemente imprescindibile.

Alberto T.

Alberto T.

Nato il 15/05/1994, studente universitario e residente a Voghera (PV).
Ritengo che non ci sia niente di meglio che raccontare del buon calcio (forse solo giocarlo). Forza Milan!
Alberto.trovamala94@libero.it
Alberto T.

Latest posts by Alberto T. (see all)

Cheap Sex Web Cam