fernando.torresSabato sera andrà in scena Empoli-Milan. Partita di fondamentale importanza per la squadra di Sinisa Mihajlovic, in quanto utile per confermare quanto di buono fatto contro Roma e Fiorentina. Tutto vero, ma Empoli-Milan non è solo questo. C’è anche una bizzarra storia che riguarda la maglia numero 9 rossonera. Da quando infatti Pippo Inzaghi, il suo proprietario più longevo degli ultimi anni, l’ha lasciata, tale casacca ha vissuto una vera e propria maledizione. Riassumeremo adesso le tappe di questa particolarità, che di certo non può lasciare tranquillo l’attuale proprietario, ossia il brasiliano Luiz Adriano, il quale proprio pochissimi giorni fa ha visto clamorosamente sfumare il suo passaggio in terra cinese dopo soli 6 mesi dal suo trasferimento al Milan. Ma andiamo con ordine: l’anno scorso Fernando Torres è chiamato a sostituire Superpippo. El Niño arriva in prestito biennale dal Chelsea. Il primo gol in Serie A del nuovo numero 9 rossonero è proprio contro l’Empoli, nella rimonta rossonera di un non esaltante 2-2. Dopo quella serata il centravanti spagnolo entrò in crisi, e finì per cambiare aria dopo soli sei mesi, per far ritorno al “suo” Atletico Madrid. Al suo posto arrivò Mattia Destro in prestito con diritto di riscatto. Tante le speranze che accompagnarono l’attaccante della Roma e subito un gol nel suo esordio a San Siro. La musica sembra cambiata per il nuovo 9 rossonero, se non fosse che il primo gol dell’ex Siena è ancora una volta ai toscani. Inutile dire allora che la parentesi rossonera di Mattia non sia stata all’altezza delle attese e che infatti a giugno Galliani non abbia esercitato il riscattato. Tra l’altro, se vogliamo andare ancor più indietro nel tempo, si ricorda il primo e unico gol di Andreas Andersson, attaccante svedese preso dal Milan del poco felice Capello-bis, in una vittoria a Empoli per 1-0. Al termine di una deludente stagione lo svedese venne ceduto al Newcastle, assolutamente senza alcun rimpianto. Veniamo ora al presente: contro chi ha segnato Luiz Adriano il suo primo gol in campionato? L’Empoli. E non è un caso a questo punto che l’ex attaccante dello Shakhtar stava per salutare il popolo milanista dopo soli sei mesi. Il mercato non è ancora finito e la maledizione potrebbe ancora concretizzarsi con una cessione. Non se la augura Luiz Adriano, che sabato si ritroverà inaspettatamente ancora di fronte l’Empoli, probabilmente iniziando dalla panchina. Insomma, dopo Pippo Inzaghi la maglia numero 9 rossonera non ha più trovato un vero e proprio erede, da Pato a Matri, pasando per Torres e Destro, fino a Luiz Adriano, tutti hanno deluso decisamente le aspettative. D’ora in avanti forse, qualsiasi attaccante arriverà al Milan, se ne guarderà bene prima di sceglierla.

Simone Satra

Simone Satra

Simone, mass-mediologo appassionato di calcio, teatro, cinema e politica. Milanista da sempre per proseguire la tradizione famigliare. Cresciuto a Tele+ e Andriy Shevchenko, ricorda come se fosse ieri capitan Maldini che, durante la notte di Manchester del 28 maggio 2003, alza la prima Champions League. Oggi si accontenta di vedere Riccardo Montolivo capitano. simone.satragno@hotmail.it
Simone Satra