pagelle55Donnarumma 6,5: Si riprende il posto da titolare e sul gol di Paolo non può fare nulla visto che il centrocampista della Lazio sbuca, a fari spenti, dal nulla. Compie un intervemto da fenomeno nella ripresa, su Candreva volando allungandosi magistralmente. Campioncino.

Abate 6: Partita onesta di Igna, senza picchi positivi ma nemmeno con errori grossolani. Senza infamia e senza lode.

6: Partita tutto sommato tranquilla per il colombiano, che riesce a controllare bene gli avversari. Sicuro.

Romagnoli 5,5: Non perfetto nel suo personalissimo derby contro la Lazio. Qualche sbavatura qua e là. Non al meglio di sé.

Antonelli 5,5: Perde Parolo in occasione del corner non riuscendo a chiudere come dovrebbe, andando a prendere invece Felipe Anderson. Si prende una giornata di pausa. Opaco.

Honda 6: La solita abnegazione e ultimamente non sbaglia mai l’approccio al match. Ha sul sinistro il pallone del possibile 2-1, ma lo spreca sparando alto. Causa però l’espulsione di Lulic. Può fare di più. (dall’84’ Menez s.v.).

Montolivo 6,5: Il Monto torna è si mostra subito il solito recuperatore e smistatore di palloni. Fa strano dirlo ma è il cervello e il punto fermo della squadra. Bentornato Capitano.

Bertolacci 5,5: Andamento alternato, come al solito. Fa cose buone e cose meno buone, come il pallone perso al limite dell’area alla fine del primo tempo che poteva costare caro. Nella ripresa continua questo su e giù. Altalena.

Bonaventura 6,5: E’ in evidente fase di appannamento da 3 o 4 partite. C’è da dire però che coglie un palo e una traversa. Di fatto, due delle occasioni principali della partita, sono sue. Se fossero entrate sarebbe stato il migliore in campo. Stanco e sfortunato.

Luiz Adriano 6,5: Torna titolare dopo mesi e dimostra di meritarlo. Svaria su tutto il fronte offensivo, ricordando un po’ Niang, e mette in affanno Hoedt. L’assist per Bacca è da punta vera. Dalla Cina con furore. (dal 74’ Balotelli 5,5: Meglio che in altre partite, ma il tempo per incidere è poco. Da rivedere).

Bacca 6: Nell’unica azione in cui gioca più stretto e più vicino alla porta, riceve il pallone da Luiz Adriano e traforma in bello stile con l’esterno. Ad inizio secondo tempo impensierisce Marchetti. Solito Killer.

Simone Satra

Simone Satra

Simone, mass-mediologo appassionato di calcio, teatro, cinema e politica. Milanista da sempre per proseguire la tradizione famigliare. Cresciuto a Tele+ e Andriy Shevchenko, ricorda come se fosse ieri capitan Maldini che, durante la notte di Manchester del 28 maggio 2003, alza la prima Champions League. Oggi si accontenta di vedere Riccardo Montolivo capitano. simone.satragno@hotmail.it
Simone Satra

Latest posts by Simone Satra (see all)

Cheap Sex Web Cam