Difesa 8: molto bene il mercato in difesa. In primis il maxi affare con la Juve ha permesso di dare il benvenuto a Caldara, uno dei migliori prospetti italiani, che potrà crescere con tranquillità di fianco a Romagnoli, e dire addio a Bonucci, che non ha mai dimenticato i colori bianconeri. La fascia sinistra è stata rinforzata con Strinic (in bocca al lupo per i suoi problemi) e Laxalt, mentre abbiamo salutato Antonelli che ormai non faceva più parte del progetto. In porta acquistato Reina, mentre è ancora tra noi Donnarumma nonostante le polemiche dell’anno passato.

Centrocampo 6: in effetti si poteva fare qualcosa in più. Arrivato Bakayoko dal Chelsea che potrà dare una grande mano alla mediana, andando a colmare una delle grosse lacune dello scorso anno, cioè la mancanza di un’alternativa a Kessie. Le incognite si chiamano Halilovic e Bertolacci, che Gattuso ha voluto trattenere a tutti i costi dopo l’esperienza di Genoa. Con Montolivo ormai fuori dal progetto, rimane da valutare Josè Mauri, che con ogni probabilità fungerà da vice Biglia.

Attacco 7: l’arrivo di Higuain ci fa fare un enorme salto di qualità rispetto allo scorso anno. Il Pipita è proprio quel bomber che ci sarebbe servito come il pane nell’annata conclusa. Salutato definitivamente Kalinic, dato in prestito Andrè Silva e ceduto Bacca, l’unico attaccante di riserva rimane Cutrone. Sugli esterni da valutare Castillejo come vice Suso, mentre Borini sarà come al solito il tuttofare in squadra. La speranza è che sia l’anno della consacrazione di Calhanoglu.  

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it