Gara speciale quella di stasera al San Siro, non solo perché è la prima ufficiale della nuova stagione tra le mura amiche, ma soprattutto perché di fatto una semisconosciuta squadra rumena riconsegnerà di fatto il Milan, il nuovo Milan ai tifosi. Più di sessantamila per un preliminare di inizio agosto, che sulla carta ha probabilmente poco da dire (facendo i dovuti scongiuri). Ma stasera il risultato non sarà l’unica cosa in palio, c’è molto di più. In palio c’è la volontà di sognare, di sperare finalmente in una stagione ad alti livelli dopo anni disastrosi; c’è la volontà di veder giocare i nuovi acquisti (di certo non tutti) e avere la possibilità di ergerli a beniamini della curva. Vediamo quindi che novità ci saranno nella formazione di Vincenzino Montella.

Loca e Conti le novità – In difesa out Abate, non convocato, a destra giocherà Conti, con i confermati Donnarumma, Musacchio, Zapata e Rodriguez, con Paletta ancora fuori rosa in odore di cessione. In mediana dovrebbe giocare Locatelli con Montolivo in panchina, affiancato da Kessie e Bonaventura. Fuori Sosa, vicino al ritorno in Turchia. In attacco dubbio Andrè Silva: il portoghese avrebbe dovuto esordire da titolare, ma un problema al piede lo terrà in panchina con Cutrone ancora titolare. Ai suoi fianchi Suso e Niang favoriti su Calhanoglu e Borini. Il colombiano Bacca ormai non è più considerato.

Montella – Il tecnico rossonero in conferenza pre-gara: “Mi aspetto soprattutto un miglioramento nella tenuta mentale più che fisica rispetto alla gara d’andata. I tifosi? E’ una grande emozione, ma anche una grande responsabilità, loro credono in noi e nella società, si sta creando un entusiasmo importante che va alimentato. Donnarumma? Questa estate lo ha aiutato a crescere. Ha avuto tante sollecitazioni. Mi aspetto una bella accoglienza domani sera, è un ragazzo che ha dimostrato amore per il Milan. Ha bisogno di affetto”.

Milan: Donnarumma, Conti, Musacchio, Zapata, Rodriguez; Kessie, Locatelli, Bonaventura; Suso, Cutrone, Niang. All. Montella.

Craiova: Calancea; Dimitrov, Spahija, Kelic, Briceag; Zlatinski; Vagenin, Rossi, Mitrita, Bancu; Baluta. All. Mangia.

Mirko

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it
Mirko