Milan-Fiorentina, le formazioni ufficiali

 Se fra Milan e Fiorentina oggi pomeriggio ci scapperà un pareggio, non ci sarà nulla di sorprendente (del resto entrambe le squadre tendono spesso al pareggio, avendo pareggiato 6 e 7 volte). Ma se proprio qualcuno si stupirà, si tratterà di chi pensa che la Viola avrà vita facilissima contro un Milan falcidiato dalle assenze per infortunio e dalle squalifiche. Talmente falcidiato che Gattuso farà molta fatica ad allestire un 11 decente, o forse la missione è proprio impossibile. Lo sapremo presto.

Per gli ospiti si tratta di una ghiotta occasione per risalire la classifica verso livelli più consoni al blasone del Giglio. Mister Pioli ha la squadra interamente a sua disposizione, con Simeone al centro dell’attacco:
“Giocheremo con il 4-3-3, cercheremo di fare arrivare pochi palloni agli attaccanti del Milan, che sono molto forti”. Saranno anche molto forti, ma ultimamente segnano veramente poco: il Diavolo ha realizzato solo 3 gol nelle ultime 5 partite, segno evidente che la fase offensiva non è l’aspetto che meglio riesce a curare il tecnico calabrese; la difesa, al contrario, si sta comportando molto bene, per la gioia di Donnarumma.

Le formazioni ufficiali sono state rese note pochi minuti fa. Eccole:

MILAN (4-3-3): G. Donnarumma; Abate, C. Zapata, Romagnoli, R. Rodríguez; Calabria, Mauri, Çalhanoglu; Suso, Higuaín, Castillejo. In panchina: Reina, A. Donnarumma, Conti, Musacchio, Laxalt, Montolivo, Brescianini, Halilović, Cutrone, Tsadjout. Allenatore: Gattuso.

FIORENTINA (4-3-3): Lafont; Milenković, Pezzella, V. Hugo, Biraghi; Benassi, Veretout, E. Fernandes; Mirallas, Simeone, Chiesa. In panchina: Dragowski, Brancolini, Laurini, Ceccherini, Hancko, Nørgaard, Dabo, Gerson, Eysseric, Théréau, Pjaca, Vlahović. Allenatore: Pioli.

Nils

Seguo spesso l'istinto. Ai tempi delle scuole elementari decisi di tifare Milan. Nell'autunno 2013 mi venne l'idea di creare questo sito (online dal primo gennaio 2014). A volte scrivo cose senza senso, perciò non prendetemi troppo sul serio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *