Stando agli ultimi scenari, Yonghong Li dovrebbe ormai essere solo un ricordo nella mente dei tifosi milanisti. Come molti già prevedevano da tempo, la palla è ormai nelle mani di Elliott e molti già si chiedono che Milan vedremo durante la sua gestione.

Nuovo management – Stando a Il Sole 24 Ore di oggi, il fondo americano sembra intenzionato a tenere il club per un anno circa, in modo da rivalutare il marchio e poi rivenderlo. Ecco perché si fanno sempre più intense le voci che vorrebbero cambiamenti sostanziali nel management del club. Innanzitutto il primo passo sarà far decadere tutti i membri cinesi dal CdA (rimarranno per ora quelli italiani). Per quanto riguarda la figura di ad il nome caldo sarebbe quello di Umberto Gandini, che tornerebbe in rossonero dopo due anni passati alla Roma. L’ex direttore esecutivo del Milan potrebbe essere affiancato dall’attuale ds del Napoli Cristiano Giuntoli, ma soprattutto dall’ex capitano rossonero Paolo Maldini.

Milan a stelle e strisce – Ma quale sarà a questo punto il futuro a lungo termine del Milan? Ferma restando la volontà di Elliott di cedere il club, con ogni probabilità questi rimarrebbe in terra statunitense. Secondo la Gazzetta dello Sport infatti restano in corsa sia Rocco Commisso (che ha cercato invano di acquistare il club attraverso Yonghong Li), sia la famiglia Ricketts, che manifestò un interesse ufficiale qualche settimana fa, sia Stephen Ross, fino a qualche tempo fa interlocutore favorito da Elliott. Sembrano invece infondate le voci che porterebbero al magnate russo Rybolovlev, già patron del Monaco.

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it