Donnarumma 6: Ha pochissimo lavoro da fare contro una Spal mai seriamente presente nell’area rossonera. Oggi spettatore non pagante.

Zapata 6,5: Buonissima prestazione quella del colombiano, che sembra trovarsi a suo agio nella difesa a tre. Va anche vicino al gol in occasione di un calcio d’angolo.

Bonucci 6,5: E’ in netta crescita e si vede. Nonostante la Spal non impensierisce mai la retroguardia rossonera, lui appare sempre attento e compie anche una bella chiusura ad inizio ripresa.

Romagnoli 6: Molto meglio rispetto alla gara con l’Udinese, peccato per l’ammonizione nel finale di gara che poteva risparmiarsi.

Abate 6,5: Bella partita anche di Ignazio, che gioca benissimo sulla fascia e sfiora un gran gol, evitato da Gomis. Per ora la fascia destra è in buone mani con lui e Calabria.

Kessie 7,5: Prova autoritaria dell’ivoriano, ormai leader del centrocampo. Conquista una quantità infinita di palloni, ne perde pochissimi e spesso si propone in area avversaria per rendersi pericoloso. Ha il merito di aver segnato il secondo rigore.

Biglia 7,5: Insieme a Kessie i veri padroni di una mediana, quella rossonera, tanto bistrattata in questi anni. Tranquillità e geometrie al servizio della squadra, il più grande acquisto dell’estate. (Dall’82’ Locatelli s.v.: Giusto il tempo per far rifiatare Biglia).

Calhanoglu 6: Prova non sufficiente per uno della sua classe, ma almeno ha il merito di rendersi molto prezioso in fase difensiva, comportandosi da mediano puro. Attendiamo però una crescita. (Dal 74’ Bonaventura 6: Si avvicenda con Calha quando la gara non ha più nulla da dire. Premiato per le 100 presenze in rossonero).

Rodriguez 7: Una spina nel fianco per tutti gli avversari. Corre come un pazzo, sforna tantissimi cross, tutti precisi, e segna anche il primo rigore. Fondamentale nello scacchiere di Montella.

Kalinic 6: Cerca di darsi da fare come può in area avversaria, ma alla fine non riesce a combinare molto. Da premiare però il suo spirito di sacrificio. (Dal 62’ Suso 6: Cerca di mettere a disposizione della squadra la sua classe, ma non riesce a rendersi molto utile).

Andrè Silva 6: In crescita rispetto alle prime uscite, si muove bene in area avversaria, ma ancora non ha assimilato in modo perfetto i meccanismi della Serie A. Per ora rimane bomber di coppa.

Montella 6,5: Per ora la squadra gira, è a soli tre punti da Juve e Napoli. Con la difesa a tre pare abbia trovato lo schema giusto e anche il turnover funziona molto bene. Vedremo col passare dei mesi che campionato sarà quello rossonero, per ora al tecnico resta da tirare fuori ancora il massimo dai nuovi arrivati.   

Mirko

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it
Mirko