Milan – Udinese: le dichiarazioni dei protagonisti

 Inzaghi: speravo in una gara del genere. Sono contento anche per quelli che hanno giocato meno, perché oggi hanno dimostrato il loro valore. Nonostante tutte le assenze non ci siamo pianti addosso e abbiamo reagito. Godiamoci questa vittoria, ma da martedi pensiamo al Genoa. L’unico neo sono stati alcuni mugugni dei tifosi a qualche giocatore al primo pallone perso: sono grandi uomini, cerchiamo di rivolergli bene. Peccato che mancherà Essien a Genova visto il suo momento attuale di forma. Forse recupereremo De Jong e Muntari, ma sono tranquillo e felice della mia squadra. Oggi ha esordito il capitano Montolivo e sono contento: questa squadra al completo può reglarci grandi emozioni.

Galliani: la FIFA ha consentito alla tecnologia ma la colpa è il calcio italano: il mio è un invito, vi prego, affidatevi alla tecnologia. Non si capisce chi ostacoli questa cosa. Da domani inizierò la battaglia affinché venga introdotta questa novità, noi nel 2015 ancora siamo indietro. Questa mattina Menez non doveva giocare, aveva la febbre, Pippo mi ha chiamato e mi ha avvisato. Spero abbia la febbre anche domenica prossima… Mi ricordo di quando Gullit aveva problemi prima della finale dell’89, mi ha ricordato questa cosa. Avevamo una marcia da Champions, poi ci siamo fermati e oggi abbiamo ripreso. Questa è una squadra che può tenere i due punti a partita. Normale che ci sono partite sbagliate, ma l’importante è che Pippo abbia trovato il bandolo della matassa, ora ha le idee chiare.

Menez: oggi non c’è stato lavoro per il nostro portiere, vuol dire che abbiamo giocato bene. Proseguiamo così. Mi sono svegliato male questa mattina ma ci tenevo troppo a giocare, era una partita importante e fortunatamente ho fatto anche due gol. Genoa? Tutte le partite sono difficili ma se giochiamo sempre così i risultati arriveranno da soli.

Bonera: abbiamo fatto tutti una buona prestazione e questo deve farci sorridere perchè anche chi ha giocato poco, fino ad oggi, ha giocato bene. Io mi sono sempre messo a disposizione per giocare in ogni ruolo e logico fa piacere ricevere i complimenti di Galliani. Interpreto il ruolo di terzino con caratteristiche diverse, dove non arrivo con il fisico provo con la testa.

Armero: voglio ringraziare Dio, la mia famiglia e i miei compagni. Ho lavorato ogni giorno, aspettavo la mia chance e quando gioco sono felice. Da quando sono arrivato, ho sempre lavorato per restare qua. Ogni partita posso migliorare e in allenamento posso guadagnare ulteriore spazio. Abbiamo giocato bene. Un buon calcio, divertente, meritavamo di vincere.

*          *          *

Stramaccioni: il rammarico è che il Milan ci ha messo in grande difficoltà nel primo tempo e avrebbe meritato il gol, ma la ripesa è andata diversamente. L’Udinese aveva trovato le misure, eravamo più aggressivi e c’era un penalty su Badu a inizio secondo tempo. Dalla panchina sembrava rigore, anche se non l’ho rivisto. E pochi minuto dopo c’è stato questo episodio che ha condizionato la partita, più che il rigore mi riferisco all’espulsione di Domizzi. Peccato. Il Milan nel primo tempo aveva fatto meglio ma non aveva trovato il gol e l’Udinese aveva iniziato bene la ripresa. Non mi è piaciuto l’atteggiamento dell’arbitro. Il rosso è inspiegabile e non era neanche rigore, perché Honda si lascia cadere. Da parte nostra abbiamo sbagliato spesso l’ultimo passaggio e Di Natale ha anche accusato un problema al flessore. Era importante fare punti qui.

Pozzo: quando ho saputo della designazione di Valeri mi è venuto mal di pancia. Speravo fosse maturato e purtroppo ancora una volta ha fatto disastri. E’ un incapace, mi dispiace molto perché sono nel calcio da tanti anni e rispetto questo movimento che è continuamente in crescita. Anche la categoria arbitrale, salvo due tre arbitri, è cresciuta moltissimo e posso solo parlare bene di loro. Però non capisco come mai continuino ad esserci alcuni arbitri che fanno disastri. L’espulsione odierna di Domizzi non la capisco, non ci stava minimamente. Valeri ha fatto il fenomeno in quell’occasione.

Allan: nel primo tempo non abbiamo fatto ciò che voleva il mister. Nella ripresa siamo entrati in campo meglio e poi c’è stata la scelta dell’arbitro che ha cambiato tutto con un rosso affrettato. Non riesco a capire perché ha scelto subito di dare il cartellino rosso. E’ la seconda volta che succede con questo arbitro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *