Ultima conferenza stampa della stagione per il nostro tecnico Vincenzo Montella. Nonostante la gara di domani a Cagliari non sia influente ai fini della classifica, le questioni sollevate non sono certo di secondo piano. Sul ritorno di Gattuso: “Sono contentissimo, non c’è nessun problema da parte mia. Non lo sento ingombrante, può essere un valore per i giovani. Abbiamo parlato tanto delle nostre metodologie di lavoro, avrà le porte di Milanello e del mio spogliatoio aperte. Ci sarà la massima disponibilità, ci conosciamo da tanti anni”. Sulla questione Donnarumma: “Lo tratterò come un giocatore del Milan fin quando avrà un contratto con noi. Ovviamente dal punto di vista tecnico gradirei che si risolvesse la cosa e l’ho detto anche pubblicamente a Gigio. Mi auguro che si possa risolvere il prima possibile. Ovvio che la società abbia bisogno per una programmazione di sapere se c’è Donnarumma e se si trova nelle migliori condizioni psico-fisiche. Non è un giocatore normale, è un giocatore su cui tutti noi vogliamo porre la massima fiducia, è importante sapere il prima possibile cosa fare. Ad ogni modo deve decidere il ragazzo cosa vuole fare e dare indicazioni a chi lo assiste o consiglia”. Sul proprio rinnovo: “Tra una settimana vado in vacanza, mi auguro che si possa risolvere prima. Ma potrei andare in vacanza sereno ugualmente anche così”. Su un bilancio della stagione: “Credo che abbiamo proposto un buon calcio, anche se altalenante all’interno della stessa partita. Io sono soddisfatto, vedo che i ragazzi facevano le cose con convinzione. Penso sia stata una stagione positiva. Si è visto un gruppo, uno spirito. C’è stata una crescita importante dei calciatori giovani e meno giovani. Il patrimonio della squadra è cresciuto tantissimo. L’aspirazione, naturalmente, è fare sempre meglio e si può fare sempre meglio”. Sul mercato rossonero: “Con Mirabelli ci confrontiamo tutti i giorni su ogni tipo di discorso. Ovvio che l’aspirazione di ogni allenatore sia quello di avere tutta la squadra a disposizione a luglio. Però so che non è possibile e che per avere la migliore rosa a disposizione a volte si debba aspettare anche gli ultimi giorni di mercato”.

Mirko

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it
Mirko