Promossi, bocciati e rimandati nel ritorno con il Craiova

 Stadio stracolmo come nelle grandi occasioni ormai dimenticate. Più di 60000 spettatori, per un incasso che supera i 2 Milioni. Cifre da record per un preliminare di Europa League, disputato a temperature da centrale siderurgica. Ecco quindi i promossi e bocciati del vittorioso match di ritorno contro il Craiova di Devis Mangia. Secondo una prospettiva semiseria, critica e disillusa.

Promossi:

– Donnarumma: sventa almeno due grossi pericoli grazie ad una buona dose di riflessi…
e di fortuna. Totem.

Musacchio: elegante, preciso, intelligente. Tanto quanto basta per non apparire mai in
affanno contro l’avversario diretto. Autoritario.

– Conti: si produce a ripetizione lungo la fascia di propria competenza, non sempre
assistito a dovere dai compagni. Manca una facile occasione per andare in gol.
Scolastico.

– Bonaventura: il solito giocatore utile tanto in fase di contenimento quanto in fase di
costruzione, anche se non ancora al top della forma. Sicuro.

– Suso: nonostante la condizioni fisica precaria disputa un’ottima frazione di partita,
cercando il dialogo con i compagni di reparto e illuminando la serata con qualche
giocata sopraffina. Lucido.

– Calanhoglu: entra a partita in corso e a risultato acquisito, agisce largo sulla fascia e si
limita a fare giocate semplici ma di gran classe. Promettente.

– Cutrone: corre in lungo e in largo per sostenere il fronte d’attacco rossonero. Le doti
tecniche non solo quelle del grande centravanti di un tempo ma con intelligenza e voglia
di fare si rende utile e viene premiato andando in rete d’astuzia. Volenteroso.


Bocciati:

– Rodriguez: incerto in fase difensiva, poco attivo in fase di spinta. Particolarmente
scoordinato ed impacciato nel calciare col piede destro. Ed il sinistro, da solo, non può
bastare. Macchinoso.

– Locatelli: ha ottime qualità ma decide di indossare i panni di Montolivo e sembra
volerne seguire le (brutte) gesta. Gioca troppo semplice, talvolta sbagliando, senza
risultare efficiente come recupera palloni. Copione.

– Andre Silva: entra senza lasciare il segno. Uno stop degno di nota che secondo alcuni
rappresenta il marchio del gran calciatore. Deja Vu. La condizione fisica è deficitaria. Rivedibile.


Rimandati:

– Zapata: classico difensore dal quale ci si può aspettare di tutto, dal grande intervento
in anticipo all’errore fatale. La presenza di Musacchio sembra tuttavia sorreggerlo.
Inaffidabile.

– Kessie: meno brillante rispetto alle uscite precedenti. Sembra soffrire particolarmente
la serata afosa. Fisicamente perentorio, sbaglia qualche intervento di troppo ed è
impreciso in fase di appoggio e costruzione. Disordinato.

– Niang: tra i fischi di San Siro è difficile giocare ma lui ci mette del suo. Spesso
confusionario, poche giocate degne di nota e molta imprecisione. Disorientato.

– Borini: tanta voglia e nulla più. Fortunato.

Stefano I.

Ricercatore informatico ​affetto dal sacro fuoco rossonero. Scettico per precauzione, ​realista per vocazione ed ​​amante del genio per eccezione. Nato nel segno di Van Basten con ascendente Savicevic.

Latest posts by Stefano I. (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *