Storari 6: Onestamente la punizione che genera il primo gol è imparabile, forse poteva fare qualcosa in più sul secondo gol, ma non pretendevamo miracoli dal vecchio Marco.

Zapata 5,5: La sua mancanza di reattività la dice lunga sulla deficitaria condizione fisica dei ragazzi. Anche lui ha qualche colpa sul raddoppio croato, bella invece la palla che dà a Cutrone per una delle poche occasioni del match.

Paletta 5: Dormita evidente sul gol croato nella ripresa, ma viene scongelato per la prima volta in stagione in un match che ha poco da dire, poteva fare poco di più.

Romagnoli 5,5: Il migliore di una retroguardia imbarazzante, non combina sfracelli, ma si fa saltare in un paio di occasioni da Acosty.

Calabria 6: Uno dei migliori in campo. Almeno si vede in lui voglia di lottare e di combinare qualcosa di buono, soprattutto in fase di spinta sulla fascia.

Zanellato 5: Completamente fuori dal gioco per tutta la gara. Per un giovane della Primavera alle prime armi è comunque difficilissimo emergere in un Milan così disastrato. (Dal 74’ Abate 6: Non combina guai e, dopo Benevento, è già una notizia).

Biglia 4: Di gran lunga il peggiore in campo. Lento, abulico, completamente inutile, si fa vedere per il fallo da cui nasce la punizione gol e per una calciata da lui. Causa polemiche con il nostro pubblico non ci permettiamo di definirlo un flop, per cui lo definiamo un “plof”!

Locatelli 6: Insieme a Calabria è senza dubbio uno dei più volenterosi per tutto l’arco dei 90 minuti. Dai suoi piedi le migliori (seppur poche) azioni rossonere, è uno dei più lucidi della squadra.

Antonelli 6: Nel primo tempo cerca di rendersi utile il più possibile, soprattutto in fase offensiva, ma alla lunga cala e viene sostituito. (Dall’80’ Forte s.v.: esordio assoluto per il ragazzo).

Andrè Silva 4,5: Assolutamente negativa la sua prestazione. Non crea alcuna occasione, non lotta né pare abbia voglia di aiutare la squadra. Si fa vedere solo per un colpo di tacco a smarcare Locatelli.

Cutrone 5,5: Con Andrè Silva prima punta, lui gira a largo per creare qualche spunto interessante. Sue le uniche occasioni della gara, sprecate. A differenza del portoghese però mette in campo almeno grinta e cuore.

Gattuso 5,5: Si attendeva una reazione con Benevento e Rijeka, ma il Milan raccoglie solo critiche e insulti. Qualche responsabilità è anche sua su alcune scelte, ma l’impressione, inquietante, è che si sia andato ad impelagare in una situazione drammaticamente irrisolvibile.  

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it