Kaka, Leonardo, Ronaldo, , Rivaldo, Cafù, Dida, Serginho, , , … Tutti ricordano questi giocatori, alcuni anche veri e propri campioni, che hanno indossato la maglia rossonera nel recente passato. Si, perché una volta il Milan era una vera e propria colonia brasiliana. Se i portoghesi grazie al trattato di Tordesillas del 1494 avevano avuto libero accesso alla colonizzazione del territorio brasiliano, i verdeoro, per merito di un non precisato accordo, hanno avuto la possibilità di invadere ed occupare Milanello.

Una volta il derby di Milano era anche un vero e proprio scontro tra i rappresentati di due nazioni, Brasile per il Milan e Argentina per l’. Attualmente i cugini hanno ancora una piccola colonia “albiceleste” al proprio interno potendo contare su Icardi, per citare l’elemento più di spicco, ma anche su Palacio, Banega, Ansaldi e Carrizo.

E’ invece qualche anno che i rossoneri hanno dismesso la propria colonia brasiliana. Ora nella rosa attuale sono presenti solamente tre brasiliani e tutti panchinari fissi: Gabriel, Rodrigo Ely e Luiz Adriano con l’ultimo peraltro vicino alla partenza. Se da un lato i verdeoro sono diminuiti in numero, dall’altra sono aumentati i sudamericani presenti nell’organico. Troviamo infatti due colombiani, Bacca e Zapata, due argentini, Vangioni e Sosa, un cileno, Mati Fernandez e un paraguaiano, Gomez.

La colonia brasiliana risulta essere quindi un lontano ricordo e, se pensiamo ai campioni di questa nazione che hanno vestito la maglia rossonera, ammettiamo che ci viene una certa saudade.

Zuma

Zuma

Marco Fumagalli, meglio conosciuto come Zuma, amante, filosofo ed esteta dello Sport in tutte le sue mille sfaccettature. Amo la palla tonda, quella a spicchi, quella ovale, le due ruote e tutto ciò che ci ruota intorno. Il mio nome lo devo anche a Van Basten anche se ho vissuto la mia adolescenza sotto le imprese di Carletto Ancelotti.
Zuma
Cheap Sex Web Cam