Sconfitta a testa alta nel Gioiello Splendente di Gedda. Le pagelle di Zapata e compagni

 DONNARUMMA Voto 6-: vede qualche pallone sfilare alto o uscire di poco. Bene in presa alta e con i piedi. Al minuto 58 respinge su CR7. Poteva fare meglio sul gol.

CALABRIA Voto 6+: sbuffa sull’arrembante Alex Sandro ma appena può si sforza di salire. Coraggioso anche da centrocampista nel periodo di inferiorità numerica.

ZAPATA Voto 6+: alla Juve manca la torre d’attacco e per lui è un vantaggio. Tiene bene la zona di competenza, gestisce bene la palla. Al minuto 30 sbaglia un appoggio di testa e concede un rischio ma si rifà al minuto 46 spazzando nell’area piccola. Bene anche stasera.

ROMAGNOLI Voto 6: gioca con serenità senza timore.

RODRIGUEZ Voto 6-: soffre l’intraprendenza e la velocità di Cancelo e gode del poco aiuto di Calhanoglu. Gioca senza paura in uscita dalla difesa ed in appoggio. Sporca la prestazione perché è lui che tiene CR7 in gioco nell’azione del gol, inconveniente che non è la prima volta che gli accade.

KESSIE Voto 6-: buona presenza in area avversaria. Dimostra di avere molta gamba e proprio quando sembra che la partita stia virando verso una fase a lui più congeniale commette l’ingenuità che gli costa il rosso (con la complicità del sig. Banti da Livorno…..) e incanala l’incontro verso il risultato finale.

BAKAYOKO Voto 6+: la zampata di Bentancur non lo spaventa. Si piazza a metà campo col piglio del buttafuori da discoteca.

PAQUETA’ Voto 6,5: parte mezzala ma come può si accentra dietro a Cutrone. Dimostra personalità, non teme il contrasto fisico, cerca la giocata di classe (tacco al minuto 35). Deve limare qualche ingenuità e salire di ritmo nella prestazione. Esce senza demerito per Higuain.

CASTILLEJO Voto 5,5: completa un trittico poco invidiabile nel giro di pochi minuti (perde una palla, commette un fallo ingenuo e inutile su Dybala, rischia un giallo). Poco lucido nelle scelte e nell’ 1vs1. Altre volte ha fatto molto meglio, stasera fa rimpiangere Suso. Esce per Borini.

CUTRONE Voto 6,5: parte bene, movimento e controllo della palla per far salire la squadra. Finisce inevitabilmente nella morsa dei due centrali avversari. Prende una clamorosa traversa al minuto 47 che avrebbe indirizzato la partita da un’altra parte.

CALHANOGLU Voto 5,5: va al tiro (di testa) al minuto 7 e poi (di piede) al minuto 11. Generalmente lento nel coprire in aiuto a Rodríguez su Cancelo. Va ancora al tiro al minuto 44 e poi al minuto 59. In linea con altre prestazioni insipide.

HIGUAIN S.V.: entra e subito dopo la squadra rimane in 10. Può fare poco e in effetti quello fa, cioè poco.

BORINI S.V.: chiamato a dare il suo contributo per riequilibrare la squadra dopo il rosso a Kessie, non me la sento di dargli particolari demeriti.

CONTI S.V.: protagonista dell’episodio incriminato in area bianconera sul quale G. Dubol, al secolo il sig. Banti, Livornese doc nonché amico del sig. Allegri, commette l’ennesima malefatta.

GATTUSO Voto 6,5: partita preparata bene, squadra attenta, che chiude centralmente accettando il rischio dei cross dalle corsie laterali. La traversa di Cutrone, l’ingenuità di Kessie, il sig. Banti vanificano la sua fatica. Alla prossima.

 

Egidio

Sono nato all'epoca delle Olimpiadi di Roma, nella vita non faccio lo scrittore, né il giornalista, ma tutt’altra cosa che adesso non è utile descrivere né spiegare. Mi piace scrivere. Nel corso della mia vita, sin dall’epoca del liceo, credo di aver sviluppato una discreta capacità nel raccontare ed esprimere idee, concetti, ma soprattutto sentimenti e sensazioni. Tuttora, nella vita di tutti i giorni scrivo molto per lavoro. Sono innamorato del Milan dall’età di 8 anni e questo per merito di mio padre buon’anima, ahimè, volato in cielo pochi mesi prima della Stella del 10°. Mi firmerò con lo pseudonimo di Egidio. Come molti altri di voi, ho giocato a pallone (badate bene, “a pallone”, e non “a calcio”) a livello dilettantistico-amatoriale. Giocavo centravanti (adesso sarei “una prima punta”), la maglia rigorosamente era la numero 9 ed Egidio era il soprannome che i miei amici mi affibbiarono all’epoca dei fatti, ma vi assicuro che ho segnato più reti di quante ne abbia sbagliate lo Sciagurato. Ringrazio sin d’ora chi mi leggerà, chi mi apprezzerà, chi no, ma soprattutto chi, con educazione, mi contesterà : il peggior disprezzo è l’indifferenza. Ricordate che il Milan si discute, ma si ama. Ed io lo amo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *