Cina Archive

Closing Milan – Puntata 399

La data utile per l’accredito della terza caparra avrebbe dovuto essere il 17 Marzo scorso. Alla fine della giornata si è invece verificato ciò che molti tifosi ed osservatori temevano: un ennesimo rinvio del pagamento, dovuto a non ben precisati motivi. Alcune fonti parlando

Closing: procedono i lavori per la terza caparra. Intanto si aprono i contatti per Conte

Difficile star tranquilli in una situazione del genere, soprattutto da parte di noi tifosi che ormai viviamo la telenovela closing tutti i giorni, dai tempi del famigerato Mr. Bee. Pochi commenti e molte preoccupazioni dopo l’ennesimo ma inaspettato rinvio, quello di inizio mese, quando

Si-no, Se(s): un pò c’era da aspettarselo

Siamo di fronte ad una situazione che può essere definita in tanti modi diversi (ridicola – paradossale – incredibile – pazzesca – allucinante – patetica). Io voglio definirla amara. Berlusconi aveva assicurato che avrebbe lasciato il Milan in buone mani. Gli ultimi (non) avvenimenti

Le cifre del colosso Huarong: i tifosi potranno stare tranquilli

Manca ormai poco al fatidico appuntamento del prossimo fine settimana, che decreterà in modo ufficiale la fine dell’era berlusconiana e l’inizio di quella cinese. A pochi giorni dal closing ci sono ancora molti dubbi su chi effettivamente ci sia dietro la Sino Europe, la

Closing: conferme sui nomi della cordata, e intanto la SES convoca una conferenza stampa

L’atmosfera ribolle in Casa Milan in vista di inizio marzo. Più in particolare il 3 marzo dovrebbe essere il giorno che cambierà la storia della squadra rossonera: chiuderà i battenti l’era berlusconiana ed inizierà quella cinese. Dopo tanti rinvii, voci infondate e polemiche a

La Cina è vicina, molto vicina (analisi di un fenomeno socio economico)

Questo mese di gennaio rischia di passare alla storia come il mese dei record: il contratto-choc di Tevez che lo rende il calciatore più pagato al mondo, le proposte a Cristiano Ronaldo e i soldi spesi per prendere Oscar dal Chelsea. Appare tutto come un gigantesco puzzle

Due possibili e importanti novità a pochi giorni dal closing

Ormai tutti, dai tifosi agli addetti ai lavori, attendono con ansia il fatidico 13 dicembre. Con ogni probabilità questa dovrebbe essere la data giusta, dopo mesi e mesi di telenovela, il giorno del closing, il giorno in cui dovrebbe (il condizionale è d’obbligo per

Fassone in Cina e closing vicino: le ultime tappe della telenovela

Finalmente, dopo tanto pensare, dopo tante voci, smentite e colpi di scena, questo dovrebbe essere il mese giusto per mettere la parola fine ad una telenovela che ormai coinvolge i tifosi dl Milan da più di un anno (senza contare i precedenti anni di

Sino Europe: la lista di nomi è sempre più chiara, ma c’è un tassello mancante…

Il grande momento sta per arrivare. Il passaggio epocale dal Milan di Berlusconi a quello targato Cina dovrebbe avvenire con ogni probabilità il prossimo mese, più precisamente tra il 16 e il 18 novembre, a pochi giorni dall’attesissimo Derby di andata. È possibile però

Seedorf, crisi cinese

Curiosa la vita. Capita che un anno alleni il Milan, fai piuttosto bene ma a fine stagione vieni mandato via; dopo qualche mese di inattività torni ad allenare addirittura dall’altra parte del mondo, in Cina. E mentre tu vai in Cina, c’è un’altra Cina

Han Li: “L’acquisto del Milan non è solo un’operazione finanziaria. Cercheremo di riportare la squadra ai vertici”

Intervista alla Gazzetta dello Sport ad Han Li, direttore esecutivo della Sino-Europe Sports, società veicolo della cordata cinese che sta per acquisire il Milan. Sul perché proprio i rossoneri: “Il Milan è una delle più grandi squadre al mondo, con una storia piena di glorie

Milan, a breve il comunicato sulla cessione

Tra pochi giorni arriverà il comunicato sulla cessione del Milan da parte di Fininvest al consorzio cinese rappresentato da Galatioto. Ci siamo quasi e finalmente la maggioranza delle quote societarie del club di Via Aldo Rossi verranno cedute: il termine era stato posticipato per

Non fiori ma opere di bene

Buone nuove all’orizzonte. L’interesse dei cinesi è forte e reale e c’è di più: vogliono che Berlusconi rimanga presidente del Milan per almeno 3 anni e che sia proprio lui il regista del mercato. Insomma loro, i cinesi, ci mettono i soldi e il presidentissimo ci

Ansia, anziani e Asia

Ansia per la finale? Poca. Ammettiamolo, è davvero poca, quasi impercettibile. C’è più che altro un pò di timore legato al risultato numerico finale, insomma diciamo che noi preferiremmo numeri piccoli, possibilmente inferiori al 3, nello score dei gol subiti. Dio del calcio, ti preghiamo,

Milan, imminente l’esclusiva con i cinesi, ma intanto spunta una nuova cordata…

Ormai è questione di ore per il primo importantissimo passo in merito al capitolo cessione societaria. Per venerdi o al massimo per l’inizio della prossima settimana dovrebbe arrivare il sì di Berlusconi alla trattativa con la cordata cinese gestita dall’advisor Sal Galatioto. Un sì

La rivoluzione cinese

Tempo di affari per Silvio Berlusconi. Dopo aver venduto Mediaset Premium ai francesi, dopo mesi (anni?) di stupide voci e di falsi annunci, di fantomatici quanto inconcludenti mister Bee e mister Pink, forse qualcosa di grosso che riguarda il Milan accadrà davvero, ma senza i suddetti

Sempre più Cina nel Milan di oggi e di domani

Il Milan ha annunciato in questi giorni il lancio della versione in lingua cinese del suo sito ufficiale (cn.acmilan.com), realizzato in collaborazione Hopu.com, uno dei più importanti portali sportivi del paese asiatico. L’intento è ovviamente di valorizzare il più possibile il valore del brand attraverso
简体中文EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol