Dal gol di Brignoli in poi, il Milan è precipitato in un terrificante vortice di negatività da cui sembra difficilissimo uscire. Una situazione grave che ha già portato a conseguenze importanti (è saltato il tecnico) e che sta portando al fallimento totale delle strategie estive, oltre che a un probabile cambio di proprietà entro un anno. Dico ciò senza evitare giri di parole, ma è anche vero che, al 20 dicembre 2017,  la speranza di risollevare le sorti di una parte della stagione c’è ancora.

Non è vero che il Milan non potrà contare sull’innesto di nuovi giocatori . E’ invece vero che fra pochi mesi avrà un giocatore che non ha avuto finora e che personalmente non esito a definire un top player: Andrea Conti. Il suo pieno recupero equivale a una iniezione di ciò che attualmente scarseggia : forza fisica, qualità e nuove alternative tattiche.

Era il 15 settembre quando la notizia del suo grave infortunio squarciò l’atmosfera generale di positività in cui era ancora immerso il Milan. Insieme a quel legamento crociato, quel giorno a mio parere si ruppe anche la magia di una stagione che doveva andare diversamente. E che probabilmente con Conti in campo diversamente sarebbe andata davvero, perchè non stiamo parlando di un semplice gregario, ma di un giocatore autore di ben 8 gol nel campionato scorso, tatticamente versatile e con ottime doti in fase di inserimento.

Se il recuperò del giovane terzino procederà bene, come le ultime news da Milanello lasciano intendere, il suo ritorno potrà essere fondamentale non tanto in campionato, dove il solco pare ormai irrimediabilmente tracciato, quanto in Europa League e in Coppa Italia (ammesso e non concesso che il Milan sarà ancora in corsa nella coppa nazionale).

Il Milan ha ancora qualche chance di salvare mezza stagione, ma potrà farlo solo con il miglior Andrea Conti. E se è vero che spesso sono i dettagli a fare la differenza, la sua presenza in campo non ci sembra un dettaglio di poco conto.

Nils

Seguo spesso l'istinto. Ai tempi delle scuole elementari decisi di tifare Milan. Nell'autunno 2013 mi venne l'idea di creare questo sito (online dal primo gennaio 2014). A volte scrivo cose senza senso, perciò non prendetemi troppo sul serio.