Ormai siamo alla resa dei conti: due gare al termine del campionato e mercoledì finalissima di Coppa Italia con la Juve. Il Milan si gioca praticamente tutto in queste tre gare.

Tutto può accadere – Una sfida quasi impossibile contro una Juventus nettamente più forte, che ha già archiviato la pratica scudetto e concentrerà le sue forze su questa finale. Come ha ribadito mister Gattuso, non sempre vincono i più forti, per cui sarà necessario scendere in campo con grinta e concentrazione. La Supercoppa di Doha non è un ricordo lontano e all’Olimpico tutto può accadere. Non dimentichiamo che una vittoria consentirebbe al Milan di accedere all’Europa League a prescindere dalla posizione in classifica.

Due gare fondamentali – Una posizione in classifica estremamente delicata: in questo momento il Milan ricopre la sesta piazza, con l’Atalanta a meno uno e la Fiorentina a meno tre (defilata ormai la Samp a meno sei). Il destino ha voluto che i rossoneri terminassero il campionato con la trasferta a Bergamo e con la Fiorentina in casa. Due partite fondamentali in caso di sconfitta con la Juve: il settimo posto significherebbe preliminari di Europa League a luglio, ma soprattutto significherebbe primo anno cinese del tutto fallimentare.

Mirko

Mirko, filosofo per condanna, milanista da sempre e per sempre!
Marcel Desailly, Franco Baresi e Mario Yepes le mie ragioni per amare
questa squadra, i Pink Floyd, Stanley Kubrick e la fantastica Salerno le mie ragioni per amare la vita!

syd-barrett@hotmail.it