Vince il Portogallo, le pagelle dell’Italia

 Sirigu 5,5: Chiedergli di prendere la bomba di Eder sarebbe davvero troppo. Chiedergli di rischiare di meno, in alcune occasioni, invece è lecito.

De Sciglio 5: Purtroppo prosegue il suo periodo difficile, anche in nazionale: sempre timido e mai propositivo (dal 63′ Pasqual 5.5: Con lui in campo la situazione non pare migliorare nonostante qualche buon pallone al centro).

Bonucci 5.5: Colpisce un palo, ma risulta gravemente colpevole in occasione del gol fatale dei lusitani.

Ranocchia 4.5: Per tutto il match lascia molto a desiderare e si rende utile solo salvando un gol sulla linea. Tutto il resto è da dimenticare.

Darmian 6.5: Giocatore vero, non soffre di timori riverenziali ma anzi si propone in avanti sfiorando anche il gol.

Pirlo 6.5: Senza i suoi piedi buoni l’Italia ieri sarebbe stata ancor più anonima e priva di idee. Un paio di lanci illuminanti, tipici della sua classe, purtroppo non bastano. Teniamo conto delle sue tante partite stagionali e della sua età.

Bertolacci 6: Mal supportato dai compagni, aveva pure cominciato bene con una clamorosa occasione fallita, nella ripresa cala (dal 76′ Parolo s.v.: Entra quando ormai le energie di tutti sono finite).

Soriano 5.5: Un tiro fuori di poco e nient’altro di concreto. Si fa saltare facilmente da Eliseu in occasione del gol (dal 58′ Vasquez 6: Fa molto più del suo compagno, alla fine sfiora la rete con un bel tiro).

El Shaarawy 5.5: Queste sono le partite in cui dovrebbe fare la differenza, invece i suoi lampi sono molto rari, per quanto la voglia di mettersi in mostra ci sia. Peccato per il destro a giro fallito (dal 68′ Sansone 5.5: Partecipa all’assalto finale, senza farsi notare particolarmente).

Immobile 5: Assai deludente, a volte dà la sensazione che troppe aspettative siano state riposte in lui, che da diversi mesi non è più se stesso (dal 73′ Matri 5.5: Con un ottimo spunto si procura una valida occasione, che poi spreca tirando sull’esterno della rete).

Candreva 5: Ieri Antonio assomigliava molto al Candreva visto in nazionale nella fase finale delle competizioni che contano. In netto calo rispetto alla Croazia (dal 64′ Gabbiadini 6: Grazie ai suoi tiri dalla distanza mette non poca apprensione nei portoghesi e sfiora il pareggio).

Antonio Conte 5 Era una partita vera ed arrivata la prima sconfitta che ci dà la certezza di non essere testa di serie alle prossime qualificazioni ai Mondiali. Bisogna lavorare ancora molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *