Press "Enter" to skip to content

Tempi Rossoneri

Raoul Bellanova, un nuovo gioiello della lunga scuola di difensori rossoneri

Di nazionalità italiana, appena 17enne, 185 cm di altezza per un peso di 78 kg, Raul Bellanova ha già ottenuto la convocazione in serie A con la prima squadra, anche se l’esordio deve ancora arrivare. In passato è stato seguito da club europei e italiani. Il ruolo dove meglio sta esprimendo le sue ottime caratteristiche è quello del terzino destro, anche se viste le sue doti fisiche, atletiche e soprattutto tattiche potrebbe essere tranquillamente schierato anche come difensore centrale. Sicuramente i suoi punti di forza sono la forza fisica, un gran senso della posizione e un ottimo tempismo negli interventi, in definitiva un’ottima fase difensiva. Mister Lupi ha ereditato da Gattuso il…

La Var ai Mondiali parlerà italiano: fra gli arbitri specialisti anche Orsato

Malgrado le feroci polemiche post Inter-Juventus, Daniele Orsato di Schio ha ricevuto la convocazione da parte della Fifa e sarà fra gli arbitri specialisti del Var ai prossimi Mondiali in Russia, ormai imminenti visto che cominceranno fra poco più di 40 giorni. Tre gli italiani presenti, scelti seguendo un criterio basato soprattutto sull’esperienza: Orsato, Valeri e Irrati. I tre fischietti nostrani si aggiungeranno al quatariota Al Jassim, ai sudamericani Sampaio (Brasile), Vargas (Bolivia) e Vigliano (Argentina); altri europei saranno i tedeschi Dankert e Zwaier, i portoghesi Lopes Martins e Dias Soares, l’olandese Makkelie e il polacco Gil. Arbitro in campo, un unico italiano: Gianluca Rocchi.

Bologna – Milan, le pagelle dei rossoneri

Donnarumma 6+: pronto al minuto 24 su Verdi, e al minuto 36 su testa di Mbaye. Sempre su Mbaye mette la manona al minuto 74 mentre al minuto 61 respinge su Palacio. Tutto sommato pomeriggio tranquillo. Calabria 6: non parte benissimo a dire il vero, ma poi si dimostra più diesel che turbo. Prima volata al minuto 21. Cresce alla distanza salvando sulla linea al minuto 62 ed aiuta nel frattempo Palacio a leggere il libretto della pensione. Bonucci 6: ordinaria amministrazione di testa e di piede. Unica emozione per una caduta al minuto 26 che ci ha fatto temere un’uscita anticipata. Zapata 6,5: pochi pericoli da sventare. Solo col…

Bologna – Milan: si torna al 4-3-3, Loca in regia

La trasferta di Bologna arriva in un momento certamente delicato per il Milan: d’ora in poi tocca solo vincere e sperare in un passo falso dell’Atalanta, prima dello scontro diretto di Bergamo tra due giornate. L’atmosfera è chiaramente pesante a causa delle continue voci e polemiche extra calcistiche, la condizione fisica è precaria e l’entusiasmo non è dei migliori, ma non si può comunque prescindere da una vittoria oggi al Dall’Ara per dare un minimo di senso a questa stagione. Qui Milan – Mister Gattuso accantonerà il 4-4-2 andato in scena nella sciagurata gara col Benevento. Si torna dunque al 4-3-3: in difesa ancora Zapata sarà il partner di Bonucci…

La primavera degli addii

Partiamo dai fatti più recenti. La Svezia ha ufficializzato che il 36enne Zlatan Ibrahimovic non parteciperà ai Mondiali di Russia. Pare che alcuni suoi ex compagni non lo volessero più fra i piedi. Lui ha replicato con ironia mica tanto velata: “Senza di me la Svezia è favorita per vincere la Coppa del mondo”. Immaginatevi se dovesse vincerla davvero. A ruota di Ibra, qualche ora dopo Andres Iniesta ha annunciato l’addìo al Barcellona, dopo ben 22 anni di fedele militanza: andrà a giocare in Cina, dove avrà l’occasione di insegnare qualche dribbling a Pellè. A molti mancherano le sue giocate.  Da un maestro all’altro, il 21 maggio toccherà ad Andrea Pirlo dare…

Stagione agli sgoccioli, tempo di bilanci… e resa dei conti

Mancano quattro partite alla conclusione del campionato, alle quali si aggiunge il match di Coppa Italia che il 9 Maggio vedrà Milan e Juventus affrontarsi nella finale del trofeo. Una stagione iniziata da dieci mesi con tutte le premesse per essere positiva ma che col trascorrere del tempo si è rivelata via via sempre più deludente. Fino ad arrivare alla drammatica sconfitta contro il Benevento, ultimo in classifica e con la retrocessione in tasca. Questione economica Il settlement agreement, sul quale la UEFA si esprimerà a breve in maniera dettagliata, renderà concreta l’impossibilità da parte della società d’intervenire pesantemente nella prossima campagna acquisti, come del resto sarebbe necessario, in considerazione…

Il benservito a Mirabelli non sarebbe la soluzione migliore

A stagione ancora non conclusa, con una finale di Coppa Italia da giocare e un sesto posto ancora tutto da raggiungere, già si odono tante voci sul prossimo assetto dirigenziale, con l’operato di Mirabelli sotto accusa. Isolare i ragazzi – Difficile in effetti non parlare al momento di annata fallimentare, dopo aver avuto a disposizione un budget non indifferente da spendere nel mercato estivo. Ma allo stesso modo a fine aprile ci sembrano assolutamente fuori luogo le accuse a Mirabelli e le voci sui nomi che già circolano come prossimo ds. Dovrà essere ora bravo mister Gattuso a lasciare queste voci e le tante polemiche fuori dallo spogliatoio e a…

L’imprendibile: Roberto Donadoni

Ci sono calciatori che possono farti innamorare del gioco del calcio: Roberto Donadoni, a mio personalissimo parere, è stato (anzi è) uno di questi. Nato in un piccolo comune del Bergamasco nel settembre del 1963, annata peraltro eccezionale per la produzione di talenti («El Buitre» Butragueño, Evani e Dunga, per citarne solo alcuni), Donadoni era un bimbetto tutt’ossi con la passione del pallone. Gracile ma velocissimo e con la calamita al piede, a dodici anni lo facevano giocare con quelli di sedici a patto che non segnasse, perchè dribblava tutti con facilità irrisoria ed entrava in porta con il pallone. Così non gli restò che affinare la capacità di fornire assist.…

Sprofondo Milan, ma non è questo il momento di mollare

Come se non fosse bastato l’umiliante pareggio dell’andata contro l’ultima squadra in classifica, allora a 0 punti, ecco completarsi il cerchio infernale con l’imprevista sconfitta casalinga nel match di ritorno, contro un Benevento già con un piede e mezzo in serie B. Sei partite di fila senza vittorie, quattro pareggi e due sconfitte, per un misero bottino di 4 punti. Stagione sinora peggiore di quella precedente, comunque deludente: 5 punti in meno ed una posizione in meno in classifica. Dopo essersi dissolto l’illusorio sogno Champions, anche la qualificazione diretta alla prossima Europa League potrebbe sfuggire di mano. Una Atalanta in forma smagliante si è sbarazzata di un Torino acciaccato, scavalcando…

La stagione è ancora aperta: vietato mollare proprio ora

Inevitabilmente l’inattesa sconfitta contro il Benevento ha lasciato strascichi pesanti sulla squadra. C’è chi parla di stanchezza, chi di mancanza di motivazioni dopo la Champions sfumata, chi addirittura comincia a dubitare dell’operato di Gattuso. L’unica cosa certa è che non è ancora tempo di processi, la stagione è ancora tutta da giocare e lo dimostra la strigliata di Fassone e Gattuso alla squadra nella giornata di ieri e l’annullamento delle due giornate di riposo previste. Europa alla portata – In queste ultime quattro giornate si dovrà innanzitutto cercare di agguantare il sesto posto, abbandonato proprio domenica in favore dell’Atalanta. Quattro squadre in lizza per questo traguardo: oltre rossoneri e bergamaschi,…

Aprile dolce dormire. Le pagelle di un Milan senza più grinta e tensione

DONNARUMMA S.V.: non può nulla quando Iemmello gli si para dinanzi al minuto 29. Prima aveva rimediato in extremis ad un retropassaggio insensato di Ricardo Rodríguez. Al minuto 65 vede il pallone sfilare di poco a lato. CALABRIA S.V.: orfano di Suso non se ne hanno notizie sino al minuto 28 quando effettua un cross. Al minuto 41 poi tira fuori. Qualche errore di troppo in appoggio. Resuscita nella ripresa con l’ingresso dello spagnolo. BONUCCI S.V.: fa tutto Zapata e lui è d’accordo. Tenta senza successo di spingere l’azione. Tiene in gioco Iemmello sull’azione del gol. ZAPATA S.V.: preciso nelle chiusure e negli appoggi. Fa valere il fisico che è…

Verso Milan-Benevento, ultime da S. Siro

Nella 34^ giornata di campionato, dopo 5 partite senza vittorie, il Milan di Gattuso affronta in casa il Benevento, ultimo in classifica a soli 14 punti ed ormai destinato alla retrocessione. I rossoneri sono costretti a fare bottino pieno se vogliono mantenere sufficiente distanza dalle agguerrite inseguitrici: Atalanta a -2 punti con Fiorentina e Sampdoria appaiate appena dietro, a -3 punti. Dopo aver ingenuamente cullato l’ipotesi di agganciare la zona Champions, è piuttosto la qualificazione diretta alla prossima Europa League ad essere ancora in discussione, stante i soli 4 punti raccolti nelle ultime uscite. Mister Gattuso, che proprio contro il Benevento aveva esordito sulla panchina rossonera, dovrà fare a meno…

Primo marcatore Cutrone e vittoria del Milan scontata: le quote Sisal

Dopo l’incancellabile beffa dell’andata (il pareggio finale firmato dal portiere Brignoli), il Milan riuscirà a vincere contro il Benevento ormai retrocesso? Secondo le quote Sisal MatchPoint è pressochè certo: 1,22 la quota, molto bassa, a favore di tale evento. Il pareggio è ritenuto abbastanza improbabile, quotato 6,75, mentre un’eventuale affermazione dei campani è data a 12. Il risultato esatto più verosimile sembra essere il 2-0 per il Milan (quota 6,20). Da non sottovalutare la quota del primo marcatore Cutrone: 5,00 , dal momento che Gattuso potrebbe affidarsi proprio a lui dal primo minuto, dopo l’ultima non esaltante apparizione di Kalinic. Staremo a vedere come andrà a finire. Chi vuole scommetterci su, può approfittare del…

Le pagelle: Biglia lucido e razionale, Suso si è ufficialmente spento

DONNARUMMA Voto 7: al minuto 3 ipnotizza Belotti sul rigore, poi al minuto 32 tocca in angolo sempre sul Gallo. Para al minuto 69 e a quello 79 su Edera. Al minuto 88 su Ljaijc si allunga mirabilmente mettendo in angolo. Sempre sicuro e determinato. ABATE Voto 5,5: non spinge più come a i bei tempi facendo mancare l’appoggio a Suso e di fatto tarpando le ali alla catena di destra. Al minuto 38 crossa bene per Kalinic. Teme Ansaldi che dal suo lato è minaccioso. Si fa scappare De Silvestri nell’azione del pari e al minuto 96 colpisce l’esterno palo quasi a voler rimediare. Ma la prestazione non eccelsa…

Torino – Milan sfida per l’Europa, non si può più sbagliare

Con la trasferta di Torino probabilmente inizia per il Milan un altro mini-campionato: abbandonati quasi definitivamente i sogni Champions League, ora l’obiettivo diventa battagliare per il sesto posto, utile alla qualificazione in Europa League. La Fiorentina comincia a mettere fiato sul collo, Atalanta e Sampdoria sono ancora vive, e gli stessi granata di Mazzarri sono in lizza per l’Europa. Fondamentale quindi per il Milan cercare di fare bottino pieno su un campo storicamente ostile. Qui Torino – Ottime notizie per Walter Mazzarri che finalmente recupera Berenguer e soprattutto Niang, il grande ex di turno, che però non dovrebbe partire titolare. Dovrebbe essere invece della gara N’Koulou, uscito non al meglio…

Mission News Theme by Compete Themes.