Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “Juventus”

Due aggettivi per questo Milan? Passivo e timoroso

Ci sono partite che prescindono dalla posizione in classifica. Quelle tra Milan e Juventus appartengono a tale categoria perché sono un classico a tutti gli effetti e come tali regalano quel profumo di grande match riservato a poche altri eventi. Ci sono stati periodi in cui abbiamo prevalso noi, in altri momenti è stato il contrario. Attualmente, mi sembra che le due squadre siano in un momento di impasse dovuto ad un cambio generazionale. Loro stanno navigando sull’abbrivio di anni di successi, mentre noi siamo ancora alla ricerca dei punti fermi dai quali poter ripartire. Sabato sera hanno vinto loro, di misura. Vediamo di analizzare la prestazione dei nostri. COSA HA…

Milan: le pagelle di chi doveva fare di più

Donnarumma 6 Ottimo riflesso sul tiro di Hernanes e su Pogba. Nulla può contro la fucilata di Dybala. Una cosa è certa: i ragazzi della sua età uno Juventus – Milan possono solo sognare di giocarlo, un giorno. Lui lo ha già giocato. Abate 5 Alex Sandro corre il triplo e in occasione del gol questo si vede bene. L’età purtroppo non lo aiuta. Alex 5,5 Apprezzabile perchè a volte risolve situazioni piuttosto difficili con grande decisione, ma non riesce sempre a metterci sempre la pezza, come nel caso del gol bianconero. Romagnoli 6 Pulito e preciso, continua la sua eccellente stagione. Antonelli 5 In fase offensiva proprio non esiste, dietro…

Il campionato di chi insegue: Juve, Lazio, Milan & company

Dietro le prime quattro ”fuggitive” della serie A, che sembrano essere i pesi massimi del torneo, c’è un plotone di squadre che sta cercando di capire che ruolo poter svolgere in questo campionato. Squadre alle quali basterebbe inanellare un filotto di vittorie per presentarsi al cospetto delle prime, entrando di fatto nella corsa scudetto. Ecco quali sono: La Juventus, con Allegri che fa e disfa in continuazione, ha ancora ambizioni di primato. In estate scrissi: “Pur restando sicuramente forte, la Juventus molto sta cambiando e Allegri, presumo, avrà qualche problema di assemblaggio e di verifica di quei meccanismi di gioco precedentemente perfettamente oliati. Le difficoltà potrebbero aumentare se, in avvio,…

Quattro sorelle per uno scudetto

12 giornate sono trascorse, siamo cioè ad un terzo del campionato e ancora non siamo in grado di decifrare con un minimo di razionalità quello che sta accadendo. Tra la prima e la decima in classifica ci sono 11 punti. Sinora ha sempre avuto ragione chi veniva da dietro, col risultato di accorciare i distacchi. La Fiorentina, che sembrava in calo dopo due sconfitte di seguito ha rialzato la testa ed è di nuovo prima. In estate scrissi : “Manca al momento una prima punta e si spera nella esplosione di Bernardeschi”. La squadra di Sousa gioca bene e soprattutto concretizza il bel gioco, accoppiando forma e sostanza. Kalinic (ecco la…

Juventus – Milan: tutte le dichiarazioni dei protagonisti

Inzaghi: ho fatto i complimenti alla squadra, avevamo tantissimi assenti. I ragazzi sono stati molto bravi, abbiamo provato a stare alti ed aggredirli. Abbiamo avuto anche la palla del 2-2 con Pazzini. Queste prestazioni ti danno grande morale, oggi era difficile essere al pari della Juve e per larghi tratti ci siamo riusciti. Abbiamo subito anche il 2-1 nel momento migliore nostro e poi il 3-1. Ci sono anche episodi un po’ dubbi, ma capita. Quello che rimane è la prestazione di tutti. I nuovi sono ottimi acquisti, dobbiamo recuperare molti giocatori. Menez? Ieri non stava bene, aveva un po’ di influenza. E’ partito dall’inizio, ma aveva i brividi. Abbiamo…

L’avversario di stasera: la Juventus di Allegri (sì, proprio lui)

La sfida con i campioni d’Italia arriva forse troppo presto, con il concreto rischio che possa trasformarsi in un forte schiaffo in faccia al nuovo Milan di Inzaghi, ma del resto il calendario del campionato nessuno se l’è mai fatto su misura. Di fronte avremo dunque una squadra già ben collaudata, con una coppia d’attacco ottimamente assortita e un allenatore esperto, che torna a San Siro otto mesi dopo l’esonero. Ad accoglierlo troverà forse qualche ironico striscione, ma una cosa è certa: tornare sedendo sulla panchina della Juve è un bel ritorno, non c’è che dire. A poche ore dal big match della terza giornata, vediamo reparto per reparto il termometro della…

Mission News Theme by Compete Themes.