Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “Maldini”

La mancanza di rispetto. Che fa rima con causa e effetto

La “mancanza di rispetto”, a mio parere, è un concetto non precisamente definibile, purtroppo c’è un qualcosa di vago nei suoi contorni. Sarebbe certamente bello definirlo in maniera precisa all’interno di un perimetro che ne stabilisca le misure esatte. Purtroppo non è così e anche se si tentasse di farlo, entrerebbero in ballo concetti altrettanto vaghi e personalissimi come l’etica del rispetto ed altro ancora. Si tratta comunque di un’espressione molto usata fra innamorati o ex innamorati, persone che si prendono e si lasciano. Si ritrovano e magari poi si riperdono per sempre, fra un’accusa e l’altra. La mancanza di rispetto può essere molto soggettiva. Se tu dici a qualcuno:…

Ufficiale: Boban è out. Riparte il campionato. Ma per quanto?

Arrivato da poco il comunicato ufficiale del Milan, che di fatto ufficializza ciò che da qualche giorno era già nell’aria: la fine del rapporto lavorativo fra Zvonimir Boban e il club rossonero. Decisiva l’intervista alla Gazzetta dello sport, non autorizzata dalla società, ma altrettanto decisivi i contenuti della stessa, cioè le pesanti parole del croato nei confronti dell’operato di Gazidis. Di seguito il testo del comunicato: AC Milan conferma di aver comunicato al Signor Zvonimir Boban la risoluzione del contratto con effetto immediato per il ruolo di Chief Football Officer del Club. Il Club ringrazia Zvonimir per il suo operato in questi 9 mesi e gli augura il meglio per il futuro…

Riepilogando, come sono cambiate le carte in gioco

Sono giorni di cambiamenti rilevanti nell’organigramma del Milan. E non si tratta di un semplice rimescolamento. Paolo Maldini è stato ufficialmente promosso direttore tecnico, ciò significa che il ruolo di Direttore dello Sviluppo Strategico dell’Area Sportiva si trasforma in qualcosa di più importante, decisivo e operativo. Al suo fianco ci sarà una “nuova” figura, ennesimo cavallo di ritorno del glorioso club rossonero: Zvonimir Boban è stato infatti nominato nuovo Chief Football Officer. I due lavoreranno a stretto contatto, facendo da raccordo tra club e squadra. Per ovvi motivi Boban avrà un ruolo importante nei rapporti e nella comunicazione con le istituzioni sportive. Parole al miele nei confronti dell’ex capitano del…

Maldini: “Non tornerò al Milan, la decisione è presa. Le bandiere sono ingombranti in società”

L’ex capitano rossonero Paolo Maldini è tornato a parlare ai microfoni di Sky Sport a margine di un evento Nike. “Sto bene dai, non sono in grado di fare neanche una parte della maratona ma sto bene. Sinceramente le corse lunghe non mi sono mai piaciute, per le mie caratteristiche sono più vicino ai velocisti, diciamo che per chi ha problemi alle cartilagini le corse lunghe non sono il massimo”. Sulla possibilità di tornare al Milan: “Assolutamente no, ho preso la decisone tempo fa e sincerante credo sia stata giusta e ponderata. Io ho parlato ad ottobre, il closing si è fatto un mese fa, i miei dubbi sono rimasti. Resta…

Donadoni sul caso Maldini

Anche Roberto Donadoni, ex dal passato rossonero indimenticabile, ha detto la sua sul controverso caso che ha visto protagonista Paolo Maldini. Ci riferiamo ovviamente alla rinuncia di ricoprire la carica che Fassone gli aveva offerto. Decisione poi dettagliatamente motivata dall’ex terzino del Milan in un post piuttosto tagliente pubblicato su Facebook. Donadoni non ha usato mezzi termini nel ritenere, all’interno della trasmissione “La partita perfetta” di SportItalia, che “la situazione andava gestita in modo diverso. Un club come il Milan non deve arrivare a questo, ha gestito male la situazione”. Un giudizio sincero e per niente diplomatico quello dell’attuale allenatore del Bologna. Si tratta, tra l’altro, di una visione condivisa da…

Le parole di Maldini, i mancati passi indietro, il team vincente

Parole forti quelle di Maldini, che attraverso un comunicato ha ufficializzato un no che era nell’aria già da tempo ormai. Sembravano insanabili sin dall’inizio infatti le frizioni tra i progetti di Fassone e le ambizioni dell’ex capitano, due posizioni completamente differenti, due modi inconciliabili di vedere le cose che realisticamente non si sarebbero potuti incontrare in nessun punto. Passi indietro – A questo punto sarebbe servito un importante passo indietro da almeno una delle parti per far sì che il matrimonio avvenisse. O Fassone avrebbe dovuto concedere più autonomia decisionale a Maldini, oppure d’altro canto, Maldini avrebbe dovuto forzare i suoi ideali e la sua coscienza per dare un contributo…

Paolo Maldini al Milan: si va verso la fumata nera

Ennesimo capitolo dello psicodramma riguardante il nuovo Milan. Stavolta la questione è quella che tocca Paolo Maldini. Ormai è chiaro che sia Fassone, sia i cinesi (nella persona di Han Li), vogliano a tutti i costi in società l’ex capitano. D’altro canto è innegabile l’amore che Paolo nutre verso i colori rossoneri e allo stesso tempo non sarebbe in discussione la professionalità e l’entusiasmo che l’indimenticato numero 3 porterebbe in società. Matrimonio quindi solo da annunciare? Nient’affatto. I contrasti – Marco Fassone sembrerebbe avere in mente una triade per la gestione del Milan, formata da lui stesso (in qualità di ad e dg), Mirabelli (prossimo ds) e, appunto, Maldini, a…

Maldini: “Milan in grande confusione. Io ho un’idea di calcio molto diversa…”

Intervistato dal quotidiano spagnolo Marca, l’ex capitano rossonero Paolo Maldini, e uno dei papabili a far parte della nuova società, parla della situazione attuale del club rossonero, non lesinando qualche frecciatina alla vecchia dirigenza, che a breve cederà il posto alla cordata cinese. “C’è molta confusione dentro al club. Non ci sono ruoli ben definiti né una guida chiara da parte del presidente. Inevitabilmente, anche i risultati della squadra ne hanno risentito. Credo servano persone che sappiano di calcio e che abbiano fatto parte di quel grande Milan. Sono tanti i giocatori che hanno fatto la storia del club e che potrebbero dare il loro contributo. Ma al momento non…

Maldini: “Dirigenza incompetente dal punto di vista sportivo. Mai disponibile per questa società”

Parole chiare ed inequivocabili quelle lasciate da Paolo Maldini ai microfoni di Telelombardia, dove parla dell’attuale società, delle ultime parole di Berlusconi, del suo possibile ritorno. Carenze societarie – “Manca un progetto e ci sono meno investimenti”, afferma l’ex capitano, ma soprattutto il Milan “è sottostrutturato per quello che riguarda l’aspetto sportivo”. Il vero problema del club dunque sarebbe in società, dove manca una figura competente a livello tecnico, che possa fungere da raccordo tra la squadra e la parte dirigenziale. Completamente sbagliata l’idea che non servissero dietro la scrivania i vecchi campioni: solo loro infatti avrebbero potuto trasmettere ai giocatori di oggi spirito di appartenenza e la consapevolezza di…

Il portavoce di un popolo

Paolo Maldini attacca, seppur con la consueta classe che lo contraddistingue da uomo e da calciatore quale è stato. “Galliani è un grande dirigente, ma è carente nell’aspetto calcistico, nel valutare i giocatori”, queste le sue ultime dichiarazioni rilasciate a Sky qualche giorno fa. Ne abbiamo già parlato e riteniamo giusto ritornare sull’argomento. Paolo ha evidenziato le carenze del nostro amministratore delegato nello svolgere le funzioni di direttore sportivo. Beh, come dargli torto? Fermo restando che i nostri ringraziamenti alla presidenza Milan, a Braida e Galliani sono certamente dovuti per il nostro magnifico passato, dal 2007 questa società ha smesso di esistere. Ad eccezione dei vari Ibrahimovic, Ronaldinho, Thiago Silva,…

Maldini: “Berlusconi non lo sento da anni, Galliani carente a livello calcistico…”

Lunga intervista rilasciata dall’ex bandiera rossonera Paolo Maldini a “I signori del calcio” in onda su Sky Sport. Sui difensori italiani più promettenti: “Romagnoli e Rugani sono i difensori centrali su cui puntare. Per l’ex Empoli, tuttavia, non è un male assoluto che non si giochi sempre, ma deve imparare tante cose. Il più forte resta comunque Barzagli, ha esperienza e senso della posizione”. Su Berlusconi e la società attuale: “Ho conosciuto un genio. Una persona che arrivava dieci anni prima di altri su alcune cose. Lui venne al Milan e disse che voleva costruire la squadra più forte al mondo, faceva sorridere. Poi invece con la programmazione siamo riusciti…

Mister derby di Milano

C’è un uomo che a Milano di derby ne ha giocati ben 56. Uno che ha vinto tutto e che di record se ne intende come pochi. Per chi ancora non l’avesse capito, stiamo parlando del mitico Paolo Maldini, indimenticabile difensore del Diavolo e della nazionale, una delle colonne portanti del miglior Milan della storia, capace di vincere qualcosa come 5 Coppe dei Campioni, 2 Coppe Intercontinentali, 7 scudetti, 5 Supercoppe italiane e tanto altro ancora. Inutile aggiungere altro, per Maldini hanno sempre parlato solo i risultati. Negli ultimi anni si è distinto per non aver voluto sposare il progetto cinese. Ci ha visto bene anche in questo caso. Paolo ha sempre amato…

A Milano arriva Taechaubol. E i cinesi? Gli aggiornamenti

Il popolo rossonero e i media sono sicuri: se si sbilancia anche Marina Berlusconi (“per il Milan è una fase delicata, il silenzio è d’obbligo”), allora è pressoché sicuro che siamo al definitivo tramonto dell’era Berlusconi. Per ora poche, pochissime sicurezze sull’immediato futuro, vediamo però a che punto siamo con le trattative. Mr. Bee – Domenica dovrebbe esserci un incontro ad Arcore tra Berlusconi e Taechaubol, forse quello decisivo. Il broker thailandese non si è mai nascosto in questi mesi, e negli ultimi giorni ha addirittura rilanciato dichiarando di voler acquistare da subito la maggioranza del pacchetto societario mettendo sul piatto 750 milioni circa. Molti dubbi su questo oscuro personaggio,…

Voglia di tornare ad un passato che non c’è più

Vi sarete accorti di come si auspichi da più parti, negli ultimi tempi, il ritorno di certi protagonisti che hanno fatto la storia del Milan. Ogni tanto si parla di Arrigo Sacchi, di Paolo Maldini, di Thiago Silva, di Ibrahimovic e via discorrendo. Speranze che fanno un pò tenerezza e un pò tristezza perchè purtroppo non basta rimettere nel mosaico un pezzo del nobile passato per far tornare tutto come prima. Tutto è cambiato così drasticamente che facciamo proprio fatica ad accettarlo. Ma se si guarda all’incredibile sequenza dei brutti epiloghi delle esperienze in rossonero di personaggi come Leonardo, Maldini, Braida, Seedorf ed ora Inzaghi, si può facilmente pensare che qualcuno abbia sbagliato tante cose nei…

Terzini veramente sinistri

E pensare che una volta c’era Paolo Maldini a presidiare la fascia sinistra. Che tempi fenomenali… Per anni, molti anni, c’è stato solo lui, che pure era destro di piede, a dettare legge. Una leggenda, adesso accantonata da una dirigenza cieca e colpevole, che non vuol saperne di dargli un ruolo chiave nel settore tecnico. Dopo Jankulovsky e Zambrotta, che fenomeni non erano ma se la cavavano più che bene, il tracollo. Da Constant ad Armero, passando per Emanuelson, Taiwo, Didac Vila, Grimi, Montelongo, Mesbah e De Sciglio, nessuno di questi si è dimostrato all’altezza di una squadra come il Milan. Con De Sciglio ci abbiamo pure rinunciato, perchè lo si vede meglio a destra…

Mission News Theme by Compete Themes.