Press "Enter" to skip to content

Palermo – Milan: le pagelle dei rossoneri

Diego Lopez 6,5: Il Palermo arriva pochissimo alla conclusione ma lui come al solito si fa trovare sempre pronto, peccato per il rigore che aveva intuito.

Abate 6: A poco a poco il capitano di oggi sta acquistando di nuovo freschezza e lucidità e lo si vede dalle numerose incursioni in zona offensiva. Davvero necessario per il Milan di oggi.

Mexes 5: Brutta partita per il centrale francese che si fa sovrastare da Dybala in ogni occasione.

Paletta 5,5: Leggermente meglio del compagno di reparto ma questo non basta per causargli un’insufficienza. Spesso in ritardo, causa anche il fallo che porta al rigore per il Palermo.

Antonelli 6: Anche lui come Abate cerca di spingersi il più possibile verso la zona avversaria e in più è sempre attento in difesa. Solo un miracolo di Sorrentino gli evita il gol della domenica.

Van Ginkel 5,5: Non male con la palla tra i piedi, col tempo sta acquistando sicurezza, ma forse è davvero troppo lento per il nostro campionato.

De Jong 5,5: Il lavoro di filtro davanti alla difesa stavolta gli riesce poco, ed in effetti è l’unico lavoro che lui sa fare bene…

Bonaventura 6: Non è brillante come le altre volte ma risulta sempre prezioso sia come raccordo tra mediana e attacco sia quando va a dare una mano in difesa.

Cerci 5.5: Fa più o meno sempre la stessa cosa e la fa male. Segna un gol senza eccessivi meriti e non basta qualche dribbling riuscito a fargli guadagnare la sufficienza (Dal 77’ Suso 6: Dà vivacità alla manovra con freschezza e un paio di sgroppate. Meriterebbe una chance da titolare).

Destro 4,5: E’ pur vero che nell’arco di una gara non gli arrivano molti palloni, ma su quei pochi che gli arrivano lui sembra avventarsi con svogliatezza e poca reattività (Dal 77’ Pazzini 5,5: Come al solito cerca di lottare per mettersi in luce ma finisce puntualmente in fuorigioco. Sembra ormai già lontano da Milanello).

Menez 7: Stavamo per dargli una semplice sufficienza unicamente per le doti tecniche di cui è in possesso, poi un lampo dei suoi consegna al Milan la vittoria. (Dal 92’ Poli s.v.: due minuti giocati. Ingiudicabile).

Inzaghi 6: La squadra non è per nulla spumeggiante, anzi regala solo sbadigli, ma tra gollonzi ed errori avversari arriva la seconda vittoria consecutiva, come nelle sconfitte anche nelle vittorie ci tocca dargli parte di merito.


Vuoi commentare questo articolo? Fallo sui nostri Social! Ci trovi su Facebook , Twitter, Instagram, Tumblr, Flipboard ed anche altrove. Basta cercarci! --> Social Zone
Mission News Theme by Compete Themes.