Perfect Days

  Inter – Milan 1 – 1   (13 maggio 2003)

Undici anni fa il nostro derby non vinto più bello, forse in assoluto il derby più bello. In palio c’era la finale di Champions League, un traguardo ormai che non compete più né ai nostri colori, né a quelli dell’Inter. Oggi come in molte altre stracittadine c’è in gioco solo l’onore e un misero posto in Europa League.

Come sono lontani quei tempi, quando Sheva e Pippo illuminavano la scena, illuminati a loro volta dalle spettacolari giocate di Rui Costa e Pirlo. E quello in particolare fu il derby di Shevchenko, che ci regalò la fortunata finale di Manchester. L’andata, una partita giocata malissimo da entrambe le parti, terminò con uno scialbo 0 a 0, non senza terribili (ed ovvie) critiche dalla stampa europea. Un risultato positivo per il Milan, che così poteva permettersi anche di pareggiare con gol la partita di ritorno. Tanto, troppo equilibrio anche in questo match, spezzato magicamente da Seedorf che vede un taglio dell’Usignolo di Kiev, che annichilisce Cordoba, e manda la palla al di là di Toldo, in disperata uscita. Il sogno è quasi realtà, fino a dieci minuti dal termine, quando Martins insacca alle spalle di Abbiati. Ora è un altro derby, ma il nostro Cristian in porta è in serata: Kallon viene stoppato dal suo ginocchio, e un colpo di testa di Cordoba dai suoi magici guantoni. Si può dare il via alla festa, la finale di Champions ora è realtà.

Il tabellino:

Inter: Toldo; Cordoba, Materazzi, Cannavaro; J.Zanetti, C.Zanetti, Di Biagio (46′ Dalmat), Emre, Conceiçao, Recoba (46′ Martins), Crespo (71′ Kallon). All.: Cuper.

Milan: Abbiati, Costacurta, Nesta, Maldini, Kaladze, Gattuso, Pirlo (89′ Brocchi), Seedorf, Rui Costa (dal 64′ Ambrosini ), Inzaghi (80′ Serginho),Shevchenko. All. Ancelotti.

Reti: 46′ (pt) Shevchenko; 83′ Martins . Arbitro: Veissiere (Fra)

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

 Milan – IFK Goteborg 4 – 0   (25 novembre 1992)

Il 4-0 è un risultato ricorrente in alcune delle più belle partite del Milan, nella sua storia. Basti pensare alla finale di Atene. Adesso però ricorderemo un’altra partita rimasta nella memoria dei tifosi rossoneri: Milan-Goteborg 4-0.
Stadio di San Siro, 25 novembre 1992. La UEFA Champions League era appena nata, andando a sostituire la Coppa dei Campioni. Tempi magnifici, irripetibili. Giocassimo oggi con il Goteborg, si potrebbe anche perdere. Ma nel 1992, nel Milan di Capello c’era, fra gli altri, Marco Van Basten. Al 61′ minuto di quella partita, su cross di Stefano Eranio, il centravanti olandese realizzò un goal fantastico in rovesciata, un’opera d’arte aerea che nessuno dimenticherà mai. Quattro a zero fu il risultato finale e 4 furono i suoi gol in quella partita, il secondo su calcio di rigore. Pochi giorni dopo vinse il suo terzo pallone d’oro.

Il tabellino:

Milan – IFK Goteborg 4 – 0

Milan: Antonioli, Tassotti, Baresi, Costacurta (67′ Nava) , Massaro, Albertini, Rijkaard, Eranio, Lentini (73′ Simone), Van Basten , Papin, Allenatore: Fabio Capello.

IFK Goteborg: Ravelli, Johansson, Pedersen, Svensson, Kaamark, Eriksson, Rehn (69′ Leksell), Mild, Nilsson, Andersson, Ekstrom. Allenatore: Gustafsson.

Reti: 34’ Van Basten, 53′ Van Basten su rigore, 61′ Van Basten, 62′ Van Basten. Arbitro: Van den Wijngaert (Olanda).

***

Altri Perfect Days: 

Milan – Celtic 1-0 (07-03-2007)

Milan – Benfica 2-1 (22-05-1963)

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *