Press "Enter" to skip to content

Tempi Rossoneri

Milan-Roma 3-3, le pagelle dei nostri: Leao è imprendibile

TATARUSANU Voto 5,0: ”il portiere è mezza squadra” si diceva ai miei tempi. Vale anche adesso. Per un portiere giocare poco vuol dire molto sotto ogni aspetto ed è indubbio che il buon Tata non si aspettasse di dover giocare ed ha dovuto trovare concentrazione da un momento all’altro. Nulla toglie che abbia fatto errori determinanti (nel primo va a farfalle su un angolo normale, nel secondo non trattiene la sfera). Come alla visita di leva: rivedibile. CALABRIA Voto 6,0: si mette in evidenza con un pericoloso cross al minuto 20. È apprezzabile la spinta sulla fascia e l’attenzione nel fronteggiare il veloce Spinazzola. Peccato sciupi al minuto 57 una…

Celtic Glasgow – Milan: le pagelle di Kessie e compagni

Celtic Glasgow – Milan 1-3, le pagelle dei rossoneri: *** Donnarumma 6: Serata di vacanza per Gigio, che rimane inoperoso per tutta la gara. Incolpevole sul gol scozzese. Dalot 6,5: All’inizio sembra un po’ spaesato, ma col passare dei minuti cresce in sicurezza e personalità e porta a casa un’ottima prestazione sulla destra. Si rivelerà un acquisto prezioso. Kjaer 7: Il vichingo non sbaglia un colpo. Uno dei leader della squadra, trascina i suoi con la grinta ma anche con i rimproveri. Imprescindibile per i nostri ragazzini. Romagnoli 6: Il capitano continua a mettere minuti nelle gambe e sembra salire di condizione. Sventa qualche velleitaria manovra offensiva scozzese e poco…

Glasgow

Capitale nonchè più grande città della Scozia, Glasgow è una importante città portuale attraversata dal fiume Clyde. Deve il suo nome al verde che da sempre l’ha contraddistinta. Glasgow significherebbe infatti “valle verde”, un nome che ben si addice alla sua attuale realtà. Proprio nel 2020, infatti, a Glasgow è stato assegnato il riconoscimento di “Global Green City” dopo aver ottenuto punteggi molto elevati in diversi campi presi in considerazione: dalla qualità dell’aria alla presenza di spazi verdi, dall’efficienza energetica degli edifici al sistema dei trasporti pubblici, dall’attenzione verso l’ecologia agli accorgimenti per ridurre le emissioni di CO2. Un premio ai grandi sforzi compiuti dall’amministrazione locale per costruire un ambiente…

Inter – Milan 1-2: le pagelle incoronano re Zlatan

Donnarumma 6: Forse poteva fare di più in occasione del gol di Lukaku, alla fine però sventa l’occasione del pareggio. La grande paura in occasione del contatto con il belga che poteva portare al rigore. Tutto è bene quel che finisce bene. Calabria 6: Riesce a disinnescare Perisic fornendo una bella prova difensiva. Conferma nella gara più importante il suo momento di crescita. Kjaer 6,5: Il vichingo trova sulla sua strada un avversario durissimo come Lautaro, che in velocità è imprendibile. Il nostro Simon però con esperienza e coraggio vince il duello con l’argentino e per di più aiuta il capitano quando è in difficoltà. Romagnoli 5: Al ritorno in…

Milan-Spezia 3-0, Brahim Diaz convincente, Leao dai due volti

DONNARUMMA Voto 6: pomeriggio tutto sommato tranquillo. Il pericolo glielo crea Calabria con un intervento involontario al minuto 20. Para al minuto 45 su Verde e poi al minuto 65 su Agudelo. Porta imbattuta, ancora una volta. CALABRIA Voto 7: detto dello spavento che crea all’amico Gigio, riferiamo della ennesima buona prestazione del nostro. Al minuto 9 chiude bene su Gyasi. Spinge a destra con bella continuità imbastendo trame interessanti con Brahim e Saelemaekers al quale serve sul piatto d’argento la palla del vantaggio. Morde le caviglie come mai visto in passato proseguendo nel suo percorso di rinascita. KJAER Voto 6,0: Il Kaiser Simon troneggia nella sua metà campo senza…

Le pagelle invisibili (Rio Ave-Milan dopo infiniti calci di rigore)

Ma che pagelle vogliamo fare? No, non me la sento. Non è stata la scarsa prova di un singolo che ha determinato il risultato e non è stata nemmeno la prestazione di un reparto. Stavolta penso non sia il caso di fare le pagelle nel modo classico e siccome non so in che altro modo farle, non le faccio proprio. La partita fra il Milan e l’imitazione portoghese di un famoso tonno, mi è sembrata avere una vita propria indipendentemente dai 22 in campo. Andava da sola verso un epilogo già scritto nonostante quello che provassero a fare i giocatori in campo. Sostanzialmente tutti impotenti, sia i nostri che i…

A pieni polmoni sull’oceano Atlantico: Vila do Conte

Vila do Conde è una località portoghese situata alla foce del fiume Ave, a 25 km a nord di Porto. Relativamente piccola, si affaccia direttamente sull’oceano Atlantico ed offre al visitatore soprattutto una buona scelta di spiagge meravigliose. Storicamente, è stato un importante centro di cantieristica navale e marinara. Oggi, però, l’industria principale è il turismo: Vila do Conte è infatti una delle mete preferite dai portoghesi, attratti dalle bellissime spiagge, dal buon cibo e dall’atmosfera rilassata. Non che manchino i monumenti e le chiese interessanti (come la Cattedrale e il Monastero di Santa Clara), ma le ampie spiagge come Praia da Senhora da Guia, Praia do Forno, Praia da…

Crotone-Milan 0-2: Kessie dominante, Tonali lucido

DONNARUMMA S.V.: primo tempo, unico problema il vento contrario. Secondo tempo, qualche mischione su palla inattiva. Inganna il tempo canticchiando “il cielo è sempre più blu”. CALABRIA Voto 6+: si propone con buona lena pur senza eccellere nella rifinitura e nel cross. Collabora al gran pressing in coordinazione con altri. Molto attivo ma anche attento in fase difensiva. Sta proseguendo nella fase di rinascita, adesso ci aspettiamo la crescita definitiva. KJAER Voto 6,5: gioca con tale leggerezza d’animo che sembra persino non sudare. Ingaggia duelli da lotta greco-romana con Simy riducendolo a più miti pretese. Colpisce la traversa di testa su angolo al minuto 18, poi due grandi chiusure ai…

Milan – Bodø/Glimt 3-2, missione compiuta ma non senza attimi di paura

Marcatori: 15′ Junker, 16′, 50′ Calhanoglu, 32′ Colombo, 55′ Hauge. Le pagelle dei rossoneri: *** Donnarumma 7 La bella parata nel finale sul perfido colpo di testa norvegese salva il Milan da grosse grane. Per il resto contempla gli spalti vuoti di San Siro. Calabria 6 Spesso (ma non sempre) attento, al cospetto di un avversario non facile. Hauge alla fine gli fa girare la testa ma tutto è bene quel che finisce bene. Kjaer 6 L’esperienza che ha gli consentirebbe di passeggiare con sicurezza anche sulle lune di Saturno, ma il tosto danese deve faticare un pò contro i nordici più nordici (e giovani) di lui. Gabbia 6- Junker…

Milan – Bologna 2-0: le pagelle dei rossoneri

21 settembre 2020, Milan-Bologna 2-0, doppietta di Ibrahimovic. I voti dei rossoneri: *** Donnarumma 6,5: Un momento di paura all’inizio sul tiro di Soriano, poi passa la serata a guardare i compagni. Si guadagna la pagnotta nel finale con gli interventi su Skov Olsen e Sansone. Calabria 7: Uno dei migliori in campo. Attacca con cattiveria e difende con attenzione, senza sbagliare mai. La speranza è che possa trovare continuità nell’arco della stagione. Kjaer 7: Affidabile come al solito. Sporca la conclusione di Soriano all’inizio che poteva mettere il match su altri binari, poi praticamente è insormontabile. Senza Romagnoli è lui il vero baluardo difensivo. (Dal 71’ Duarte s.v.: Entra…

Un gol per tempo, irlandesi a casa. Molto bene Calhanoglu

Shamrock-Milan 0-2. Marcatori: Ibrahimovic al 23′, Calhanoglu al 67′. Le pagelle dei rossoneri: *** Donnarumma 6,5 Un paio di interventi non esattamente facili. Sempre attento e concentrato, mai superficiale. Calabria 6+ Non soffre in copertura e in più spesso riesce ad essere utile in fase offensiva, pur senza mai affondare veramente. Un tiro senza convinzione, qualche buon pallone recuperato. La sensazione di essere un “terzino niente di che” permane, malgrado l’innegabile abnegazione e buona volontà. Da rivedere (forse questa è la sua eterna condanna) in altri contesti. Kjaer e Gabbia 6– Non sempre attenti, a volte si perdono una marcatura, a volte i tempi di lettura sono troppo lenti.  Theo…

Dublino tra arte e divertimento

Si avvicina il ritorno del Milan in Europa con il turno preliminare di Europa League, che vedrà i rossoneri battagliare a Dublino contro lo Shamrock Rovers. Com’è nostra abitudine, seguiamo la trasferta europea dei nostri ragazzi accompagnandovi in un breve viaggio virtuale attraverso le bellezze della città ospitante. Tradizione e innovazione – Di solito pensare all’Irlanda e a Dublino significa pensare ad un ambiente fuori dal tempo, ricco di immensi prati verdi, chiese medievali, palazzi e tradizioni antiche che ancora dominano il contesto sociale del Paese. Pur tuttavia la realtà ci racconta tutt’altro: la capitale irlandese è oggi una città estremamente moderna e vitale, capace per una miriade di motivi…

T come Tonali, come Tatarusanu, come Tiémoué?

Toc toc. Chi è? Sono io, il Milan, sono tornato. Mi apri o sfondo la porta? Il mercato del club rossonero nell’anno del Covid-19 è tutto tranne che timoroso. Intraprendente, brillante, aggressivo, perfino con le idee chiare. E non è ancora finito. Senza inutili sensazionalismi esotici, Maldini e Massara hanno finora condotto una campagna acquisti intelligente e realmente mirata al rinforzamento. Non siamo sul terreno di gioco ma è una battaglia anche questa. Sconfitta l’Inter di Suning che secondo i maggiori esperti di calciomercato fino a qualche giorno fa poteva “prendere Tonali quando vuole”, battuta anche la Juve di Pirlo cui di certo uno come Tonali non avrebbe fatto schifo,…

La Coppa scomparsa

La Champions League 2020 si conclude (e già questo è un successo) con la vittoria della squadra più forte, più bella, la migliore di tutto il lotto, quella che ha giocato certamente meglio delle altre. La finale, a mio avviso, è stata bella ed avvincente perché il risultato è stato sempre in bilico. Il Bayern ha prodotto sin dall’inizio un pressing furioso recuperando palla spesso in avanti. Neuer è tornato sui livelli di eccellenza da miglior numero 1 del mondo e abbiamo rivisto il già noto “libero con i guanti”. Nella formazione iniziale schierata da Flick 6/11 erano “tedeschi di Germania” a conferma dell’incancellabile anima teutonica di questa squadra. Nella…

La Champions all’epoca del Covid19: Guardiola e Messi a casa con la coda tra le gambe

La Champions League atipica figlia di un maledetto anno bisestile con l’aggiunta del COVID19, nella formula voluta dall’UEFA per assicurarne la certa conclusione, ci regala nell’arco di sole 24 ore emozioni che non ci aspettavamo, sovvertendo pronostici e gerarchie ormai consolidate. Le varie squadre sopravvissute arrivano alle porte della Final Eight di Lisbona diversamente preparate in funzione del termine della regular season nazionale. Succede che la Liga e la Premier (i campionati più ricchi in termini di soldi e di talento calcistico) si fanno i dispetti a vicenda (l’Atletico a febbraio fa fuori il Liverpool imbattibile, poi il City elimina il Real Madrid) restando però entrambe con un palmo di…

Mission News Theme by Compete Themes.