Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “Lady B.”

I voti di fine stagione: la società

E anche per quest’anno eccoci ai “quadri”. Anche stavolta iniziamo dall’alto. Un altro anno è trascorso, un altro anno, purtroppo, di attese andate deluse e di promesse mancate, di proclami e contro proclami, di strade intraprese e di improvvise conversioni. La sensazione che si ha dall’esterno è quella di un’eterna assemblea condominiale, dove non ci si mette mai d’accordo su nulla e qualsiasi decisione si prenda, a maggioranza, alla fine non vada mai bene a qualcuno. Qualcuno, che non aspetta altro che l’occasione per rifarsi. Discutere va bene, ma poi una volta presa la decisione, si deve remare dalla stessa parte. Silvio Berlusconi – Presidente : lo scorso anno questo…

Stadio al Portello: i motivi del clamoroso dietrofront

Voglia di rivalsa, voglia di guardare al futuro. Da cosa iniziare per creare un progetto vincente dopo annate disastrose? Dallo Stadio ovviamente, Juventus docet. Barbara Berlusconi è convinta e vuole convincere gli scettici, la priorità va alla costruzione del nuovo impianto e se ne occuperà lei in prima persona. Diverse aree visionate, tra le quali Sesto e l’area Expo, ma la più idonea sembra appunto il Portello, a pochi passi da Casa Milan. Il Comitato esecutivo di Fondazione Fiera lancia un bando per la riqualificazione dei padiglioni 1 e 2 e, tra alcune difficoltà, sorpassi e controsorpassi con altri progetti, rinvii di Fondazione Fiera ed un cauto ottimismo, martedì 7…

Le pagelle del Milan: società e tecnico

Come nella migliore tradizione scolastica, terminate le lezioni, l’attesa è per i “quadri”. Ci occupiamo oggi della Dirigenza, societaria e tecnica. Dopo aver bastonato o premiato i calciatori durante l’annata adesso tocca a loro. Come toccava a noi, ci sono i promossi, i rimandati e quelli a cui si consiglia di passare… dal liceo al tecnico-professionale. Silvio Berlusconi – Presidente: gli saremo sempre riconoscenti per quello che ha fatto e per come ha operato da 30 anni a questa parte. Però, la vita va avanti e chi si ferma è perduto. L’età, gli impegni, i guai personali lo hanno allontanato dalla sua creatura. Le aziende si dirigono dalla mattina alla…

A Milano arriva Taechaubol. E i cinesi? Gli aggiornamenti

Il popolo rossonero e i media sono sicuri: se si sbilancia anche Marina Berlusconi (“per il Milan è una fase delicata, il silenzio è d’obbligo”), allora è pressoché sicuro che siamo al definitivo tramonto dell’era Berlusconi. Per ora poche, pochissime sicurezze sull’immediato futuro, vediamo però a che punto siamo con le trattative. Mr. Bee – Domenica dovrebbe esserci un incontro ad Arcore tra Berlusconi e Taechaubol, forse quello decisivo. Il broker thailandese non si è mai nascosto in questi mesi, e negli ultimi giorni ha addirittura rilanciato dichiarando di voler acquistare da subito la maggioranza del pacchetto societario mettendo sul piatto 750 milioni circa. Molti dubbi su questo oscuro personaggio,…

Colpa di Inzaghi? Viaggio al centro di una crisi profonda

Inevitabile in questi giorni sentir parlare di Inzaghi e della sua capacità di allenare (e il passaggio del turno in Coppa Italia non ha per nulla calmato critiche o insofferenze). C’è chi addita alla sua incompetenza, alla sua inesperienza, i dolori di un’annata che ha tutti i presupposti per finire male, se non malissimo. C’è chi nonostante gli errori di Pippo, è comunque convinto della mediocrità del materiale a sua disposizione. Nell’arco del breve periodo è innegabile che Inzaghi abbia delle colpe, ma allo stesso modo era impensabile ad inizio stagione che non ne commettesse. Perché ad esempio così poco spazio a Pazzini (di cui se ne parla tanto solo…

Pagelle 2014: diamo i voti allo Staff tecnico e societario

Adriano Galliani 6.5 Da amare o da odiare. Noi non lo amiamo, ma come non riconoscere alcuni suoi colpi recenti, come il freschissimo prestito di Alessio Cerci dall’Atletico? Anche tanti errori, ai quali da diversi anni siamo tristemente abituati. Ma il bilancio del suo operato, relativamente agli ultimi mesi, per il momento vede un segno + . Barbara Berlusconi 7 Miss Revolution tiene premuto forte il piede sull’acceleratore, anche a rischio di andare violentemente a sbattere da qualche parte, ma tanto è l’entusiasmo e la voglia di innovare che un eventuale crash sarebbe per lei solo un dettaglio, una strategia di marketing sbagliata… L’accordo con Fly Emirates è stato il suo capolavoro…

Il Milan voleva Andrea Berta, d.s. dell’Atletico Madrid

Ieri sera a Lisbona c’era anche lei, Barbara Berlusconi, ad assistere alla finale di Champions League che ha visto trionfare il Real Madrid di Carlo Ancelotti. A fine partita lady Berlusconi ha detto che “L’Atletico Madrid è un esempio di come attraverso un progetto, una buona programmazione, una buona rete di osservatori, anche senza infinite risorse si possano ottenere risultati importanti”. Ha però dimenticato di dire che, al contrario, il Milan è un perfetto esempio di grande nobile decaduta, una squadra con un passato di vittorie internazionali e risorse importanti, ora ridotta a finire un campionato in maniera mediocre, fuori dalle coppe europee, a metà classifica, a causa di una…

Qui si fa il Milan o si muore!

Ieri abbiamo assistito all’inaugurazione di Casa Milan, ciò che sarà la nuova sede della società e dovrebbe essere il punto di riferimento di tutti i tifosi rossoneri. Il museo rappresenta la punta di diamante, fondendo insieme la storia (con la mostra di tutti i trofei) con l’innovazione (il Milan è il primo club al mondo ad aver realizzato un ologramma con i suoi campioni del presente e del passato). La piazza su cui sorge Casa Milan è poi tra le più grandi di Milano, e a detta di Barbara sarà la piazza dove società, calciatori e tifosi insieme festeggeranno le prossime vittorie. Già, ma affinché tali successi si realizzino nel…

Le 5 tappe che hanno reso ridicolo il Milan

Anche quest’anno siamo giunti alla fine del campionato, e anche quest’anno abbiamo dovuto subire brutte sconfitte e amare umiliazioni cavalcando sempre l’onda delle illusioni. Illusioni che la società ha vergognosamente prodotto nascondendo un declino ormai noto a tutti. Tale declino (societario e tecnico) non è iniziato però quest’anno, ma ha radici lontane. Ripercorriamo insieme le tappe principali che ci hanno portato ad oggi.   La trattativa Pato – Tevez  Galliani ha il sì di Tevez, e può così mettere il City con le spalle al muro. Intanto la voce Pato al Psg diviene sempre più realtà: con 25 mln si chiude. Galliani vola a Londra per concludere questo geniale intreccio…

Seedorf condannato da una società colpevole e allo sbando

Cosa è accaduto negli ultimi giorni nella sempre più asfissiante atmosfera rossonera? In sostanza che la banalissima intervista rilasciata da Seedorf a Sky non era concordata con la società, per cui non in linea con il regolamento interno della stessa. Queste le parole di Galliani, polemiche ma non troppo dato che lui stesso ha voluto subito chiudere la questione, eppure queste situazioni fanno molto riflettere quanti in questo periodo seguono le vicende extra calcistiche dei rossoneri e soffrono nel veder cadere nel paradossale, se non nel ridicolo una società che ha dettato legge per decenni e che è stata per molti un modello di comportamento. A noi sembra indegno trattare…

I tasselli del Milan che verrà

Tassello dopo tassello sembra già prendere forma il Milan del futuro, ancor prima che termini questo campionato, che ci vede più che mai impelagati in una lotta per l’Europa. Un’Europa da non sottovalutare, dal momento che potrebbe portare nelle casse qualche milioncino che farebbe sicuramente comodo alla dirigenza. Barbara Berlusconi intanto torna dai suoi viaggi esotici con notizie non da poco: il nostro main sponsor Fly Emirates dovrebbe rinnovare il contratto di sponsorizzazione, in scadenza nel 2015, tra un paio di mesi. Il contratto attuale prevede un esborso di 12 milioni di euro annui, vedremo se queste cifre cambieranno o rimarranno immutate. Chissà poi che non si sia anche chiacchierato…

Nuova Casa Milan: la società rossonera cambia pelle e direzione

Ieri abbiamo assistito ad uno dei giorni più importanti e significativi della storia recente del Milan: l’inaugurazione del nuovo quartier generale, di “Casa Milan”. In effetti un cambiamento di rotta (e di pelle) è già cominciato da qualche tempo, forse con l’insediamento di BB, ma ieri si è ufficializzato il tutto. Innanzitutto si è manifestata la volontà della famiglia Berlusconi di rimanere al timone della nave, anche se si è lasciato aperto uno spiraglio per nuovi investitori, soprattutto in ottica stadio. A breve avremo notizie nuove circa questi investitori: le ultime notizie parlano di una sorta di corsa a due tra Fly Emirates e la russa Gazprom. Ad ogni modo…

A grandi passi verso il nuovo stadio del Milan

Notizia di queste ore: il Milan ha formalizzato il primo atto ufficiale verso la costruzione del suo nuovo stadio nell’area di Rho, rispondendo all’avviso pubblico indetto dall’Arexpo, la Spa proprietaria dei terreni in questione. Un bando che scadrà il prossimo 17 marzo e che difficilmente vedrà altre risposte, oltre a quella del Milan. La società rossonera, tramite la figura di Barbara Berlusconi, ha insomma presentato il proprio interesse per l’acquisizione di una parte dell’area Expo, dove intende costruire un grande impianto coperto dalla capienza di circa 60.000 posti, con intorno una vera e propria cittadella dello sport. Una struttura multifunzionale adatta ad ospitare anche eventi di altro genere, come concerti, meeting o manifestazioni sportive extra…

Lady Business: “Nel calcio non ci sono differenze..”

“Penso sempre a innovare, quello è il mio principale obiettivo, perché quelle calcistiche sono ormai aziende reali e il calcio è un business”.- ha dichiarato nei giorni scorsi Barbara Berlusconi in una intervista concessa a Vogue Japan. Fin qui ci siamo, frasi che confermano l’esistenza dell’acqua calda, ok, va bene, noi ci credevamo già. Ma Lady B va oltre ed afferma: «Nel calcio non c’è differenza tra le persone, non ci sono differenze sociali, differenze razziali, differenze politiche o economiche. La bellezza del calcio sta nel fatto che tutti sono uguali, tutti sullo stesso piano: un manager che vive a Londra può soffrire e disperazione tanto quanto un figlio di Soweto, gli abitanti…

Il nuovo Super Stadio del Milan: 60.000 posti e tanta tecnologia

Come accade a molte bellissime storie d’amore, anche quella fra il Milan e San Siro è destinata ad avere una fine. Un epilogo ormai vicino: nel giro di tre anni Milan e Inter avranno due stadi diversi. Se la società nerazzurra si è posta l’obiettivo di riqualificare San Siro, quella rossonera, sotto la spinta propulsiva di Barbara Berlusconi, già lavora al progetto di un nuovo stadio di proprietà, da costruire nell’area Expo, sul modello dell’Allianz Arena, l’attuale casa del Bayern Monaco. Lo scopo è di realizzare una struttura moderna e polivalente, dotata di servizi all’avanguardia, ristoranti, lounge bar, negozi, musei, un comodo parcheggio e circondata da spazi che permetteranno allo spettatore…

Mission News Theme by Compete Themes.