Tra critiche e prese in giro, lo smarrimento del tifo rossonero

 Non sappiamo che cosa ci riserverà questo 2016, il futuro però appare alquanto nebbioso e privo di aspettative. La fiducia nella dirigenza e dunque in chi prende le decisioni è venuta meno ormai da molti anni a questa parte. Di ottimismo noi tifosi del Milan non ne vogliamo proprio sapere. Siamo soltanto realisti, osserviamo mesti e delusi la realtà dei fatti. Questa sensazione non deriva da invenzioni o semplici prese di posizione, ma da risultati negativi accompagnati da una società che non fa nemmeno accenno di autocritica o a tentativi di cambiamenti gestionali che potrebbero portare almeno qualche scossone.
Per quel che ci riguarda, noi continueremo ad urlare con orgoglio “Forza Milan”, ma ciò non ci impedisce di osservare e di segnalare i pro e soprattutto i contro di una amministrazione societaria deteriorata e inadatta al calcio di oggi. Chi si reputa vero tifoso, e fa finta di non vedere tutto quello che sta accadendo, oppure nelle ipotesi peggiori difende ciò che risulta essere irragionevole, a nostro parere non merita di essere considerato tale, così come, al contrario, è da ripudiare chi riesce a trovare il pelo nell’uovo lì dove invece da criticare non c’è nulla, e lo fa solo per soddisfare la propria enclave di lettori.
Teniamoci pronti per questo 2016, teniamo gli occhi aperti sempre, gioiamo quando c’è da gioire e critichiamo quando c’è bisogno di criticare. Basta prese in giro!

0
0
0
0
0
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *