Press "Enter" to skip to content

Milan: i top e i flop di Settembre

 ↑ Calabria: la nota più positiva di tutto il mese di Settembre. Entra quasi a freddo nel match col Palermo dopo l’infortunio di Abate e mostra subito grinta e grande personalità, confermandosi poi anche nella gara con l’Udinese. Forse il Milan ha trovato in casa un ottimo terzino.

↑ Balotelli: il solito Balo, prendere o lasciare. Già nel derby appena entrato crea due incredibili occasioni per pareggiare, poi grande gol su punizione a Udine. Dai suoi piedi può nascere sempre qualcosa di pericoloso, il problema che lui e il collettivo sembrano continuare a parlare due lingue diverse, e Bacca e Luiz Adriano sembrano penalizzati dalla sua presenza.

↑ Bonaventura: non è una sorpresa, già l’anno scorso gli bastarono pochi match per diventare imprescindibile. Per ora sembra essere più prezioso come mezz’ala che come trequartista, ma la sua classe (vedi il gol col Palermo) e la sua duttilità vanno oltre gli schemi.

↑ Kucka: arrivato insieme al disappunto dei tifosi che speravano in qualcosa di meglio dal mercato, si è rivelata una gradita sorpresa. Capacità di “fare legna” e anche belle giocate al servizio della squadra: speriamo continui così per tutta la stagione.

*          *          *

↓ Bertolacci: probabilmente su di lui pesano i tanti milioni spesi per il suo cartellino. Le attese già dall’inizio erano tantissime e per ora non si è visto granché. Tocca avere pazienza e non credere che un buon giocatore come lui possa risolvere da solo tutti i problemi del Milan.

↓ De Sciglio: niente da fare. Il nostro Mattia continua ad essere la controfigura sbiadita del grande giocatore visto un paio d’anni fa. Il problema grave è che pare non riesca a scrollarsi di dosso paure e timidezze, ma in questo modo risulta essere poco utile alla causa.

↓ Luiz Adriano: giocatore di grande movimento, ma ad un attaccante come lui si chiedono anche e soprattutto i gol. Bello lo stacco contro l’Empoli, poi più nulla. Su di lui continuano a pesare come macigni le clamorose occasioni sprecate nel derby.

↓ Honda: da trequartista sembra un pesce fuor d’acqua, forse non è il ruolo a lui più adatto ed inevitabilmente è arrivata la panchina. Il talento c’è ma purtroppo anche la lentezza nelle gambe e nella mente, particolari gravi per chi dovrebbe innescare i due attaccanti.

 

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Mission News Theme by Compete Themes.