Press "Enter" to skip to content

Le pagelle del Milan: bene il reparto offensivo, male i centrali di difesa

 Abbiati 6 La sua faccia sembra voler dire: ”Ora mi tocca pure giocare la Coppa Italia..”. Dalle sue parti accade ben poco.

Abate 6 Sta tornando piano piano l’Abate di inizio stagione, ci vuole ancora qualche partita di rodaggio, come è normale che sia. Di certo ci è mancato molto.

Alex 5.5 Sottotono, stranamente lontano parente dell’Alex roccioso e sicuro visto all’opera a inizio campionato. Speriamo che sia solo questione di tempo, per rivederlo su quei livelli.

Zapata 5 Sfiora l’euro-autogol e in varie, troppe occasioni appare incerto e in difficoltà. Non ci siamo proprio.

De Sciglio 5.5 Prima di essere sostituito, non si comporta malissimo come accaduto invece nelle sue ultime apparizioni, ma non vediamo ancora segnali di ripresa e questo ci preoccupa molto (46′ Bonera 6 Ci mette il solito mestiere)

De Jong 6.5 Il suo gol, decisivo per l’approdo ai quarti, risolve molte grane ad Inzaghi e vale mezza stagione. Nigel non è più spumeggiante come a inizio stagione, ma è sempre comunque uno dei più combattivi e ieri lo ha dimostrato per l’ennesima volta.

Bonaventura 6 Solita qualità, ma in tono minore. Non è stato il solito valore aggiunto, si è limitato a fare cose semplici, ma utili.

Poli 6 Fra i più reattivi del centrocampo rossonero. La palla che scaglia sulla traversa finisce sul piede di De Jong, che provvede a spedirla in rete regalandoci la vittoria.

Pazzini 6.5 Fa gol, fa il suo mestiere, a tratti davvero molto bene, e ciò rende ancora più discutibili le scelte operate da Inzaghi nei mesi scorsi: in campionato il Pazzo è stato sempre poco considerato.

Cerci 6.5 Un assist vincente e un palo: esordio promettente dal primo minuto. Magari qualche sorriso in più, eh? (dall’82’ Montolivo S.V.)

El Shaarawy 6 Quando comincia un’azione sembra ogni volta che possa spaccare il mondo, peccato che poi lo spunto non gli riesce e si conclude tutto con un accenno di ottimo proposito e nulla più. Deve tornare a saltare l’uomo come si deve.

Inzaghi 6 Sufficienza stiracchiata e grande sospiro di sollievo per Filippo, che sarà di nuovo sotto esame nella prossima giornata di campionato. Perchè gli esami non finiscono mai, specie quando tanto bene non fai.

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Mission News Theme by Compete Themes.