Press "Enter" to skip to content

Ibra e non solo: cosa bolle in pentola in vista di gennaio

 Ancora un mese e mezzo in vista di gennaio, ma l’attenzione di molti addetti ai lavori (e non) è già rivolta al mercato invernale, con il Milan sotto i riflettori, costretto a recuperare dopo una prima parte di stagione a dir poco deludente. L’occasione per cambiare le carte in tavola ci sarà dopo Natale, bisogna solo vedere se c’è anche la volontà, da parte della proprietà, di fare in modo che l’AC Milan torni davvero a fare l’AC Milan.

Difesa – Il Milan è alla ricerca di un centrale affidabile, con Caldara ancora oggetto misterioso e Duarte e Musacchio che non offrono ampie garanzie. Occhi in casa Juve, con Demiral primo obiettivo: l’offerta potrebbe arrivare a 35 milioni, ma la bottega bianconera è molto cara. In seconda fila ancora vivo il nome di Rugani. Sul fronte cessioni Rodriguez ormai sul piede di partenza: sul terzino svizzero gli occhi di Roma e Fiorentina.

CentrocampoKessie e Borini pronti a dire addio ai colori rossoneri. L’ivoriano nelle mire del Wolverhampton, pronto ad un’offerta che si aggira sui venti milioni. Borini invece potrebbe sbarcare a Firenze insieme a Rodriguez. Tra i possibili arrivi sempre forte il nome di Xhaka, svizzero classe ’92 in rotta con l’Arsenal. Sul taccuino anche Nemanja Matic, centrocampista in scadenza con il Manchester United, su cui c’è anche la concorrenza dell’Inter. Al momento rimangono un sogno Rakitic e Modric.

Attacco – L’attenzione è tutta su , che ha concluso la sua avventura a Los Angeles. Al momento ancora nessuna accelerata dei rossoneri per lo svedese, su cui ci sarebbe soprattutto il Bologna. Potrebbe a breve aprirsi una interessante pista Mertens, anche se il Napoli valuta 10 milioni il belga, cifra ritenuta troppo alta dal Milan, visto il suo contratto in scadenza. Quasi impossibile arrivare a Mandukic, il cui ingaggio è fuori portata. Fari puntati anche su Dani Olmo, fantasista della Dinamo Zagabria, che però chiede sui 40 milioni per la sua cessione.

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Mission News Theme by Compete Themes.