Press "Enter" to skip to content

Ancora due parole su Hauge

Torno indietro nel tempo di qualche settimana, quando, nel corso dell’estate, mi è capitato di leggere le parole del norvegese Hauge. Mi ci soffermo un attimo perchè non le ho trovate banali, a differenza di quanto spesso accade con altri calciatori nei momenti di arrivo o di addìo. E di quest’ultima cosa si trattava nel caso di Hauge. Questo il suo messaggio finale:

Ciao a tutti rossoneri,

Vorrei ringraziare tutte le persone che ho avuto modo di conoscere durante il mio soggiorno a Milano. Dal primo giorno mi avete trattato come uno di voi. Sono così orgoglioso di aver giocato con la maglia rossonera. Ho conosciuto tante persone fantastiche e persone che rimarranno miei amici anche se non gioco più a Milano. Poi vorrei ringraziare i tifosi, avete significato molto per me. Mi avete supportato fino in fondo e lo apprezzo davvero. Desideravo veramente tanto giocare in un San Siro pieno, ma sarà per un’altra volta.

Grazie ancora per tutti i messaggi che mi avete mandato, che ho letto più di quanto pensate.” ❤️

#forzamilan #sempreinsieme

Jens Petter Hauge

Parole piene di rispetto, umiltà e umanità. C’è modo e modo di andar via, ognuno ha il suo. Ci sono stati altri addii eccellenti in questa estate, quelli di Donnarumma e Calhanoglu per esempio. Le loro parole, in tutta franchezza, non mi hanno dato alcuna emozione nè mi sono sembrate particolarmente sincere.


Vuoi commentare questo articolo? Fallo sui nostri Social! Ci trovi su Facebook , Twitter, Instagram, Tumblr, Flipboard ed anche altrove. Basta cercarci! --> Social Zone
Mission News Theme by Compete Themes.