Press "Enter" to skip to content

Tempi Rossoneri

Avanti o popolo (rossonero), alla riscossa…

Il calcio è sport popolare al massimo. Quando una palla rotola su un prato verde, siamo tutti uguali: Re e sudditi, schiavo e padrone, dirigente e sottoposto. Ma ormai il calcio non è più come una volta, un fenomeno solo europeo e sudamericano. Non esiste ormai, probabilmente, un Paese dove non si giochi almeno un campionato nazionale. Abbiamo visto campionati mondiali disputati in USA, in Sudafrica, in Corea e Giappone.…

Il Milan vince il derby ma c’è molto ancora da rivedere

Il primo derby della stagione lo portiamo a casa noi, con un grandissimo gol di Mexes, che calcia al volo in acrobazia dopo gli sviluppi di un calcio d’angolo. La vittoria in un derby è sempre una bella notizia nonostante sia arrivata solo in amichevole, tuttavia mister Mihajlovic dovrà lavorare ancora molto prima dell’inizio del campionato, e forse anche Galliani sarà obbligato a fare straordinari… Col tempo risulta evidente infatti…

Derby d’Oriente con sguardo al mercato

Prima stracittadina della stagione per il Milan e primo derby da rossonero per Sinisa Mihajlovic. Ancora non ci sono motivi di classifica o strettamente tecnici ad alimentare le nostre voci di tifosi. Più che altro questo particolare derby d’Oriente sarà interessante sia per testare il lavoro svolto finora dal tecnico serbo e dai suoi ragazzi, sia per un risultato che, dovesse essere positivo, potrebbe garantire comunque orgoglio ed entusiasmo. Per…

Pillole di calciomercato

Estate calda sia in entrata che in uscita per il Milan. Negli ultimi giorni si era parlato di un possibile scambio tra Alessio Cerci e Fredy Guarin (giocatori ai margini delle rispettive squadre meneghine) smentito poche ore fa dall’Inter. La sensazione è che i giocatori rimarranno nelle rispettive squadre per questa sessione di mercato. L’intenzione di Cerci è quella di restare fino alla scadenza del contratto nel giugno 2016. Lasciando da…

Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano

Così cantava Venditti nel suo album “Da San Siro a Samarcanda” nel 1992. Le stesse parole che riecheggiano nel pensiero di molti tifosi rossoneri in queste settimane. Di chi stiamo parlando? Naturalmente di lui, Zlatan Ibrahimovic. Il grande gigante svedese, attualmente militante nel PSG dello sceicco Al Thani, è in orbita Milan da settimane ormai. La possibile svolta chiave? 16 giugno, Zlatan e l’agente Raiola decidono di recarsi a Doha…

E la chiamano estate

L’estate va avanti. Combattuti e divisi tra l’afa, le temperature elevatissime, la cessione di El Shaarawy, i debiti della Grecia, l’attesa di Ibracadabra, l’immancabile ISIS, resistiamo e andiamo oltre. Indomiti. Seguiamo sui social, sui giornali e sui network il dipanarsi della preparazione estiva della nostra squadra del cuore. Attendiamo ulteriori colpi di mercato. Vediamo, commentiamo, giudichiamo, proponiamo, “meglio quello di quell’altro”. Leggo giudizi inappellabili, degni di PES o FIFA2015, dove…

Ci scusiamo per il disagio, ma stiamo lavorando per voi

Amichevole di lusso sabato scorso contro il Lione vicecampione di Francia e in procinto di ripartire all’assalto della supremazia del PSG. Squadra giovane e di valore, il Lione, squadra che gioca un calcio piacevole e che esibisce alcuni pezzi pregiati quali il centrale Umtiti, il centrocampista Gonalons e soprattutto il bomber Lacazette (27 reti la scorsa stagione). Dal canto suo, Mastro Sinisa vuole verificare il grado di crescita della squadra…

Tra calciomercato e futuro, che cosa dovremmo esattamente sognare?

L’amichevole allo Gerland di Lione ha messo in mostra limiti già in parte emersi nelle amichevoli precedenti con Alcione e Legnano. La caratura degli avversari e i pochissimi giorni di preparazione avevano mascherato tali atavici difetti. Innanzitutto la mancanza di (almeno) un difensore centrale forte e affidabile, che possa guidare la difesa con sicurezza e autorità. Tale problema persiste dall’addio di Thiago Silva e non c’è verso di rimediare data…

Romagnoli: sulle orme di Nesta

“Alessio ha tutto per diventare il nuovo Nesta” e “Alessio tecnicamente è forse superiore al Nesta ventenne”, dicono di lui rispettivamente Mihajlovic, neo allenatore del Milan, e Di Biagio, ct della nazionale under 21. Paragoni pesanti, certo, ma non casuali, perchè Alessio (Romagnoli) ha dimostrato di poter essere un predestinato. Sì, predestinato. Primo contratto da professionista firmato a sedici anni e gol all’esordio da titolare all’Olimpico possono bastare per essere…

Mission News Theme by Compete Themes.