Press "Enter" to skip to content

Tempi Rossoneri

Milan – Palermo, ennesima ultima gara dell’era Berlusconi

Ennesima ultima gara della gestione Berlusconi per un Milan ormai troppo in balia delle onde in questi ultimi mesi. Tutto lascia presagire che questa sia la volta giusta, ma meglio fare i dovuti scongiuri dopo i troppi rinvii a cui abbiamo dovuto assistere. L’importante è che i ragazzi in campo non pensino alle vicende extra calcistiche, e finora Montella è riuscito benissimo nell’intento di isolare i ragazzi. Lo stesso tecnico in questo periodo pare stia decidendo per il suo personale futuro, ancora tutto da scrivere. In mezzo a queste tematiche, vediamo come le squadre arrivano al match. Qui Milan – In difesa ci sarà qualche cambio: sugli esterni Vangioni si…

Pezzi grossi del mercato estivo: Alexandre Lacazette

Il presidente dell’Olympique  Lione, che probabilmente ci tiene a monetizzar bene la sua futura partenza, lo considera più forte di Gareth Bale. Stiamo parlando di Alexandre Lacazette, che dal canto suo, consapevole delle proprie qualità lo è sempre stato. Prima della doppia sfida di Europa League con la Roma, a chi gli chiedeva delle sue differenze con Dzeko, rispondeva che lui è più veloce. Classe ’91, considerato uno dei talenti più cristallini del calcio francese, in questa stagione ha segnato una barca di gol in Ligue1 (secondo solo a Cavani nella classifica cannonieri), distinguendosi anche per alcune ottime partite in Europa League, competizione in cui il Lione vuol seriamente provare ad arrivare…

Si complica per le milanesi la corsa all’Europa

L’ultimo turno di campionato si è concluso lunedì sera con la sconfitta casalinga dell’Inter contro la Sampdoria. A giornata conclusa si può affermare sia stato l’unico risultato positivo per il Milan, dopo le vittorie convincenti e meritate di Atalanta e Lazio, confermatesi nuovamente le candidate più accreditate per la qualificazione all’Europa League. In attesa dell’anomalo derby che si disputerà alle ore 12:30 della vigilia di Pasqua, il giorno successivo a quello che dovrebbe essere il tanto atteso closing della trattativa tra Finivest e Li, i rossoneri affronteranno in casa il Palermo, reduce da una bruciante sconfitta contro il Cagliari, tra le mura amiche, mentre i nerazzurri andranno di scena a…

Già al lavoro per il Milan che verrà: in attacco c’è un piano per arrivare a Benzema

Il Milan che verrà, quello cinese, quello di Fassone e Mirabelli, ancora non è neanche legalmente nato, ma ciò non impedisce di pensare già al futuro e ai piani per rinforzare la squadra. Obiettivo principale un colpo per reparto, ad eccezione dell’attacco: in caso di addio di Deulofeu infatti, si cercherà anche un attaccante esterno. Parallelamente si lavorerà ai rinnovi dei gioielli che si hanno già in vetrina. Rinforzi – A quanto pare l’argentino Musacchio, a meno di spiacevoli sorprese, dovrebbe essere il rinforzo che Montella cerca al centro della difesa. Sulla fascia Kolasinac è ancora un punto interrogativo: altri club, in primis l’Everton ancora non si danno per sconfitti.…

Un anno dopo, il fiume è ancora più difficile

Un anno fa, a inizio aprile, eravamo a pochi giorni dall’esonero di Sinisa Mihajlovic. Stava per compiersi l’ennesimo sfacelo che poi avrebbe fatto perdere ai rossoneri anche la Coppa Italia. Cosa è cambiato in questi mesi? Molto o poco, dipende dai punti di vista. Il Milan ha una Supercoppa in più e, stranamente, non ha cambiato di nuovo l’allenatore. Quanto basta per essere moderatamente contenti. Il problema è che tutto il resto è un rebus o quasi. A partire dal Closing che, forse, fra poco si farà. O forse no, perchè se non vediamo non crediamo. Riguardo alle prospettive europee, beh non sono poi tanto diverse da un anno fa: l’Europa League…

Inter e Milan sui giornali: un PUNTO di (s)vista!

Tutti i regimi totalitari che si sono susseguiti nella storia hanno sempre utilizzato i mezzi di informazione a proprio piacimento e per i propri obiettivi. Questo per plasmare i “sudditi”, per indurli a credere e sostenere ideali e cause di comodo, oltre che rabbonirli veicolando buone notizie riguardanti risultati che il regime stava ottenendo. Premessa di carattere storico-politico che serve per introdurre una breve riflessione su quanto letto negli ultimi giorni sulla stampa sportiva del nostro paese. Dopo il pareggio del Milan a Pescara, tutti i principali quotidiani e siti sportivi hanno evidenziato le proprie perplessità circa la qualificazione dei rossoneri alla prossima Europa League. Si sono letti titoli come…

Galliani, dopo il closing nuova vita tra Lega e Fininvest

Il closing si avvicina inesorabilmente (almeno si spera) e a cambiare vita non sarà solo il club, che entrerà in una nuova era con una nuova società, ma anche chi invece dovrà lasciare il Milan dopo anni e anni trascorsi tra mercato e tribune. Stiamo ovviamente parlando di Adriano Galliani, che con ogni probabilità trascorrerà le sue prime vacanze pasquali libero da ogni impegno con il club. Ipotesi – Già da tempo la stampa sta ipotizzando tutti i possibili futuri di un Galliani non più legato al Milan. Si era parlato di una carriera politica come parlamentare di Forza Italia, indiscrezione che a dire il vero non ha avuto molto…

Fugaci errori e problemi di vecchia data

Lo sfortunato errore della premiata ditta Paletta – Donnarumma è stato indubbiamente il più vistoso, nel match pareggiato con il Pescara. Tuttavia si tratta dell’errore meno preoccupante fra quelli commessi, perchè puramente episodico. Altri errori, e ci riferiamo anche ad alcune scelte di mercato, potrebbero invece essere ben più rilevanti, perchè fanno riemergere problemi che il Milan si porta appresso da un bel pò. Vediamo di riassumerne alcuni. Ocampos: non è pasticcione come Niang, ma in quanto ad evanescenza i due se la possono giocare fino ai supplementari se non ai calci di rigore. Mai un affondo, mai uno spunto che gli consenta di bruciare un qualsiasi avversario, da lui…

Contro il Milan non si scansa mai nessuno. Le pagelle dei rossoneri

DONNARUMMA 6,5: mezzo voto in meno per la compartecipazione alla papera dell’autogol. Per il resto, vola sul cross di Zampano, poi para su Bahebeck e su Benali. CALABRIA 6,5: messo a sorpresa da Montella, chiude e spinge, disegnando sulla fascia una preziosa collaborazione coordinata e continuativa con Deulofeu. De Sciglio? Vada pure via tranquillo. PALETTA 6-: inizia dando l’impressione di voler gestire la palla, poi si trova coinvolto suo malgrado nel patatrac dell’autogol. Tenta la riscossa spingendosi in avanti sui calci piazzati. ROMAGNOLI 6: coinvolto nel pomeriggio non eccezionale di tutta la squadra, chiude i varchi quando deve, cercando anche la penetrazione a sostegno dell’attacco. Colpisce anche il palo nel finale.…

Milan: Bacca favorito ma occhio all’ex Lapadula

Aprile mese scottante per il Milan, tanti gli impegni che dovranno essere affrontati, sia in campo che fuori. Piú passano i giorni, piú Montella dovrá esser bravo ad isolare la squadra dalle delicatissime vicende societarie (giovedì 13 aprile dovrebbe arrivare l’ultima tranche di denaro dai cinesi, tutto questo proprio a ridosso della stracittadina con l’Inter). Ballottaggi – Ma torniamo al presente. Dopo la sosta il Diavolo si trova ad affrontare il Pescara: sfida apparentemente semplice sulla carta se teniamo conto che la squadra di Zeman ha racimolato 12 punti, vincendo solamente due partite e avendo la peggior difesa del torneo. L’aeroplanino in settimana ha pensato bene alla squadra da mettere in campo all’Adriatico.…

Pescara – Milan, Montella: “Pescara partita pericolosa, serve atteggiamento da grande squadra. Closing? Mi concentro sul presente”

Un Montella visibilmente preoccupato in conferenza stampa, e che ha tutte le ragioni per mantenere alta la tensione alla vigilia della classica partita abbordabile. “Quando abbiamo pensato che sulla carta fosse facile, abbiamo fatto pessimi risultati. Quando abbiamo avuto il calendario più difficile abbiamo fatto ottime cose. E’ una partita molto pericolosa, serve l’atteggiamento da grande squadra. Le squadre di Zeman sono capaci di tutto, sono pericolose, se non riesci ad aggredirle rischi che la squadra si allunghi e poi fai fatica a pressarle. È una partita fondamentale per inseguire l’Europa League”. Sul closing: “Non ho sprecato energie a pensarci perchè è una cosa che non posso controllare. Mi auguro…

Le idee che hanno cambiato il calcio: Sacchi e Zeman

Quasi coetanei, uno italiano, l’altro ceco, uno vincitore di un sacco di trofei, l’altro assai meno, eppure sono stati entrambi due innovatori del giuoco del calcio, per usare un termine di matrice berlusconiana. Stiamo parlando di Arrigo Sacchi e Zdeněk Zeman, due allenatori che, tra fine anni ottanta ed inizio anni novanta, hanno cambiato il calcio, o comunque hanno introdotto delle novità che sono state fonti d’ispirazione per i coach venuti dopo. Entrambi da giovani non sono stati calciatori professionisti, l’italiano ha giocato nelle categorie minori, mentre il boemo non ha mai dato un calcio ad un pallone da calcio (gioco di parole voluto), eppure, grazie alle proprie idee e…

I flop del mese di marzo

Bertolacci: Continua il periodo sfortunato per l’ex Genoa, che nel migliore dei casi offre prestazioni senza infamia e senza lode. Per lunghi tratti delle gare si limita al compitino, altre volte sparisce proprio dal campo senza lasciare tracce. Come se non bastasse ecco l’ennesimo infortunio proprio contro i rossoblu. Suso: Il periodo buio per lo spagnolo continua con l’infortunio durante la partita con il Chievo e che lo ha costretto a saltare Juventus e Genoa. Montella lo terrà a riposo precauzionale contro Pescara e Palermo, probabile che tornerà per il derby di Pasqua, sperando di rivedere il Suso di inizio campionato. Locatelli: Non che abbia fatto male, anzi il momento…

Milan, i migliori 4 del mese di marzo

Bacca Criticatissimo nei mesi scorsi, il colombiano è tornato protagonista a suon di gol. Doppietta contro il Chievo, in gol anche contro la Juve, prima che l’arbitro decidesse di dare un penalty ai bianconeri, a tempo ultra scaduto. Mati Fernandez Rientro con gol e tanti inserimenti in area di rigore. L’ex viola, fortemente voluto da Montella, finalmente ha trovato il suo spazio. Infortuni permettendo, potrà essere utile nel rush finale per l’Europa. Donnarumma Con la Juventus ha fatto vedere un’altra prestazione monstre, parando tutto ciò che rientra nelle possibilità di un essere umano. Sempre sicuro, ormai una garanzia. Che non vorremmo veder andar via. Deulofeu Ammirevole in fase di copertura,…

Caso De Sciglio: rinnovo lontano, la Juventus all’orizzonte

Il 14 aprile dovrebbe essere il giorno di insediamento della nuova dirigenza, ma già ora si prospettano all’orizzonte tanti nodi da sciogliere per Fassone e Mirabelli. In primis, come già tante volte ripetuto, c’è da lavorare sul rinnovo di Donnarumma e Suso, trattative che potrebbero nascondere delle insidie, nonostante pare che i milioni in tavola ci siano eccome. Dopo di che c’è da risolvere anche il problema De Sciglio. Juventus – A quanto pare, però, non è che ci siano i margini per considerarlo un problema vero e proprio. Il terzino, cresciuto nella Primavera rossonera, non vorrebbe rinnovare il contratto in scadenza il prossimo anno e sarebbe quindi pronto a…

Mission News Theme by Compete Themes.