Press "Enter" to skip to content

Tempi Rossoneri

Rossonero d’autunno, incubi, sogni e déjà-vu

Un anno fa, più o meno in questo stesso periodo stagionale (mancavano poche ore ad Halloween) il Milan era al terzo posto fra le squadre più in forma: solo Inter e Juventus erano riuscite a raccogliere più punti dei rossoneri nelle ultime cinque partite disputate. Per il Milan una differenza importante era rappresentata dalla presenza nelle coppe europee. Infatti oltre al campionato aveva giocato qualche partita contro squadre europee non certamente eccelse, tutti impegni che comunque erano serviti a fare una selezione qualitativa, a cementare le convinzioni di Gattuso e ad affinare un minimo di intesa fra i giocatori. A mio parere proprio questa mancanza, invece di avvantaggiarci come molti pensavano, in queste ultime settimane…

Gestione Giampaolo, i migliori e i peggiori per media voto

Piccolo résumé analitico, realizzato con l’intento di approfondire le prestazioni dei giocatori durante il breve arco della gestione Giampaolo (7 partite ufficiali). Per fare questo abbiamo preso in considerazione i voti da noi dati al termine di ogni singola partita, da quella d’esordio a Udine fino all’ultima, con il Genoa. Ebbene, viene fuori che i giocatori più positivi dell’era Giampaolo sono stati i seguenti: 6,75 Leao 6,70 Donnarumma 6,16 Bennacer 6,12 Theo Hernandez 6,00 Paquetà e Romagnoli I migliori, dicevamo. E’ bene sottolineare che oltre ad essere stati i migliori, questi sono stati anche gli unici che abbiano raggiunto almeno la sufficienza. Nel Purgatorio della mediocrità (delle insufficienze) possiamo invece inserire i seguenti giocatori: 5,83…

Conti, Suso, Biglia, la sagra degli errori fatali. Le pagelle dei nostri

Milan – Lecce 2-2 Le pagelle del Milan:   DONNARUMMA Voto 7: che deve fare di più? Para persino un rigore. Calderoni tira da trequarti e fa il gol da raccontare ai nipotini un giorno davanti al camino.   CONTI Voto 5,5: quando trova spazio trova anche la fiducia. Incerto nell’azione del rigore, accusa il colpo sotto l’aspetto emotivo.   MUSACCHIO Voto 6: l’attacco del Lecce non è di quelli che tolgono il sonno almeno per chi di mestiere fa lo stopper.   ROMAGNOLI Voto 6: non ha colpe specifiche. Si spinge anche in avanti.   HERNANDEZ Voto 7,5: dalla sua parte sfonda che è una bellezza. Nella difesa a 3 e mezzo, lui è…

I quattro dell’Ave Maria e il numero chiave (che è sempre il 4)

Quattro. Il numero chiave è 4. Come il mostro, l’idra dirigenziale a quattro teste che sta guidando il Milan non si sa bene verso dove: Massara, Gazidis, Boban e Maldini. Li ricordiamo seduti nella sala della conferenza stampa di presentazione dell’ultimo allenatore rossonero (Stefano Pioli). Sì, c’era anche Pioli con loro, ma questo è solo un dettaglio. Prima di lui ce ne sono stati altri e forse altri ce ne saranno dopo. I 4 dell’Ave Maria stanno appunto pregando intensamente affinchè ciò (ri)accada il più tardi possibile e non dopo appena tre mesi, come verificatosi in quest’ultimo emblematico (e un pò imbarazzante) caso. Molti di noi non fanno che domandarsi che sorta di dirigenza sia…

Il derby (femminile) è rossonero: le ragazze di Ganz battono l’Inter 3-1

Nella cornice dello stadio Breda di Sesto San Giovanni (tutto esaurito) , il Milan femminile allenato da Maurizio Ganz ha battuto l’Inter per 3-1, in quello che è il primo derby della storia della serie A donne. Partita vivace con varie occasioni per parte. Rossonere meritatamente in vantaggio al 35′ con la slovena Dominika Conc; il pareggio delle nerazzurre arriva al 9′ minuto della ripresa (gol di Marinelli). Un paio di minuti dopo però il Milan ristabilisce le distanze ancora una volta grazie alla segnatura di Conc. Il sigillo finale giunge sul finire della partita, al 42′, con il golò di testa di Rinaldi. Grande soddisfazione e gioia per mister Ganz, che festeggiava anche il suo…

GiampaolOut: esonero doloroso ma doveroso

Impossibile continuare la stagione con l’ex allenatore della Sampdoria, che dopo mesi di lavoro con la rosa a disposizione non è riuscito a dare nessuna parvenza di gioco alla squadra. Dev’essere questo che hanno pensato i vertici della società rossonera, per giungere alla scelta di esonerare il tecnico nonostante la vittoria sofferta contro il Genoa di Andreazzoli. Scelte di formazione alquanto discutibili: Leao in panchina per fare posto a Bonaventura nel tridente d’attacco, Biglia ripresentato dal primo minuto in sostituzione di Bennacer e l’impresentabile Calhanoglu nuovamente in mediana. L’allenatore sembra privo della calma e della serenità necessarie per portare avanti il proprio lavoro: difficile dire se il motivo sia da ricercarsi nella sua inadeguatezza al…

Genoa-Milan 1-2, le pagelle di Reina e compagni

Reina 5,5 Il voto sarebbe 3 senza l’importante parata sul penalty (che probabilmente non c’era). L’errore sul tiro di Schone ha causato la rincorsa del Milan, sarebbe stato meglio dimostrare esperienza e sicurezza anche in quell’episodio. Calabria 4 Stagione cominciata male e proseguita peggio. Sì, proseguita perchè siamo già alla settima giornata. Il rinnovo pare sia già pronto, ma davvero se lo merita? Duarte 5,5 Non è neanche colpa sua se finora ha giocato quasi zero, accumulando minuti può solo migliorare e pare che ce ne sia un pò bisogno. Come pareva per Musacchio ai suoi esordi rossoneri. Romagnoli 6+ Non sempre bene nella stagione in corso, ma spesso il migliore del reparto. Così anche…

L’oroscopo di Giampaolo Fox per il mese di ottobre

Potrebbe essere il mio ultimo oroscopo (ma anche il vostro ultimo). Ariete: Plutone torna a favorirvi dopo un periodo alquanto opaco. Con coraggio e pazienza, dovete tener duro ancora per poco. Non mollate di un millimetro e presto vedrete i frutti positivi della vostra resistenza. Se invece dovesse andar male, almeno avrete la soddisfazione di poter dire di essere stati coerenti con i vostri principi. Colore fortunato: blu plumbeo. Toro: Contro i capricci di Mercurio c’è poco da fare, ma con qualche piccolo accorgimento è possibile limitare i danni. Siate meno volubili, più saggi e maggiormente comprensivi. Così facendo, invece di muri davanti a voi troverete birilli che sarà sufficiente aggirare. Quando Howard Carter aprì…

Il dramma del Milan

https://youtu.be/JSXRx3snKFQ Mentre a Torino il mister ci mise del suo, con la Fiorentina non ha avuto nemmeno il tempo di sbagliare che ci hanno pensato i suoi giocatori a fare varie frittate in serie. Eppure, ci sono anche altri colpevoli.. Text by Egidio. Direct by Nils.Music: https://www.bensound.com Leggi l’analisi completa.

Mission News Theme by Compete Themes.